fbpx
Pulsano

“Mentre gli attivisti e gli iscritti del M5S di Pulsano, di concerto con i vertici del Movimento, sono intenti a sviluppare soluzioni concrete per risollevare il territorio di Pulsano, si apprende a mezzo stampa che Antonella De Marco, già nota alle cronache politiche del territorio per le sue giravolte, ha deciso di lasciare l’esecutivo di Manduria per proporsi come candidato Sindaco al Comune di Pulsano nella compagine PD.

Appare alquanto evidente che certi annunci, oltre a dare l’idea di un distacco dalla realtà e dai problemi quotidiani dei cittadini, sembrino ignorare la bufera giudiziaria che ha colpito il Comune di Pulsano appena 10 mesi fa, cosi come il disastro economico-finanziario, oramai certificato dal Commissario Straordinario, di oltre 20 milioni di euro di debito.

Riteniamo che il metodo adottato anche questa volta della corsa alla poltrona e agli annunci, tra l’altro anche piuttosto plateale nel caso specifico – ci si alza da una sedia a Manduria, aspirando ad una seduta più comoda a Pulsano – non ci appartenga e che sia invece necessario affrontare le future elezioni amministrative con responsabilità e nel rispetto dei cittadini, anteponendo alle aspirazioni personali gli interessi della collettività desiderosa di voltare pagina con il passato e di soluzioni concrete per programmare il futuro e sostenere lo sviluppo del territorio di Pulsano, dalle grandi potenzialità inespresse.

Ciò che sarebbe dovuta essere una perla turistica della costa jonica, è oggi ridotto ad un paese indebitato, con problemi ambientali, non attrattivo e privo del benché minimo livello di servizi ai cittadini.

Il M5S, nell’ottica della costruzione di una coesa coalizione, ma con una forte presenza progressista e di uomini e donne della società civile, intende fornire soluzioni che possano mettere Pulsano nelle condizioni di ripartire per poter aspirare a quello sviluppo ecosostenibile e turistico che merita. E per farlo occorre innanzitutto risanare i conti e proseguire con i servizi essenziali (come acqua, rete stradale e fognaria) su tutto il territorio, litoranea inclusa.

La ricerca di nomi che interpreteranno tale progetto, per quello che sarà probabilmente il quinquennio di governo più difficile della storia di Pulsano, è da considerarsi, in questa fase, secondaria rispetto alla necessità di avere ben chiaro il progetto stesso e gli strumenti necessari alla sua realizzazione.

È ironico, anche solo ipotizzare, che le stesse persone che hanno consentito la vittoria dell’amministrazione Lupoli, sostenendola fino a poco prima che gli scandali giudiziari la spazzassero via, non solo tentino di accreditarsi all’interno di una alleanza politica alternativa al malgoverno del passato, ma addirittura si arroghino il diritto di poterla rappresentare nella sua massima carica.

Da canto nostro, noi rimaniamo sempre dalla stessa parte, quella dei cittadini, come più volte abbiamo dimostrato. Dov’erano costoro, ad esempio, quando si combatteva la battaglia contro il mega impianto di compostaggio a pochi metri dal centro abitato?

Per tutti questi motivi, il MoVimento 5 Stelle favorirà nelle prossime settimane l’apertura di tavoli e riunioni, a cui potranno partecipare anche semplice cittadini, per scrivere e condividere un programma da presentare alla cittadinanza.”