fbpx

I Carabinieri del N.A.S. di Taranto, in prossimità delle festività natalizie, hanno intensificato i controlli tesi alla verifica della corretta commercializzazione e tutela della salute dei consumatori di vari prodotti alimentari e non, soprattutto nei settori della produzione dolciaria, della commercializzazione di giocattoli, commercio e trasformazione di prodotti ittici (pasticcerie, esercizi commerciali, depositi prodotti ittici, pescherie, ristoranti) estendendo anche i controlli per contrastare il fenomeno della macellazione clandestina (aziende agricole e zootecniche):

· eseguiti in totale 38 controlli dei quali 10 non conformi (circa il 27%); accertate n. 10 violazioni di carattere amministrativo e segnalate n. 9 persone alle Autorità Amministrative competenti; contestate sanzioni per un valore totale di 10.000,00 €;

· eseguiti sequestri di strutture, alimenti, giocattoli e capi di bestiame per un valore complessivo di circa 1.500.000 €.

In particolare:

· in un esercizio commerciale della provincia tarantina, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo n. 18 giocattoli privi delle indicazioni di legge e avvertenze in lingua italiana e pertanto potenzialmente pericolosi per la salute dei piccoli;

· in due pasticcerie sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro amministrativo rispettivamente n. 14 panettoni e ed altri Kg. 35 di alimenti vari (mandorle, prodotti dolciari, uova) privi di qualsivoglia indicazione sulla provenienza degli stessi e quindi della tracciabilità;

· in un’area rurale della provincia ionica è stato sottoposto a sequestro sanitario un maiale adulto rinvenuto privo di identificazione e registrazione in banca dati nazionale e senza il possesso di alcuna documentazione di acquisto e provenienza;

· in altra azienda agricola del territorio i Militari del NAS di Taranto congiuntamente a personale del Servizio Veterinario della ASL di Taranto, hanno operato il “blocco ufficiale” di n. 14 bovini alcuni dei quali privi di dispositivi di identificazione e/o non inseriti in banca dati nazionale, vietandone pertanto la movimentazione degli animali da reddito;

· nel corso di un controllo ad un ristorante di Castellaneta (TA) sono state accertate gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali per le quale il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione del Dipartimento di Prevenzione della Asl di Taranto ha emesso ordinanza di sospensione dell’attività di ristorazione.

· In altre 3 imprese alimentari le accertate carenze igienico-sanitarie e strutturali sono state ritenute lievi per cui le medesime sono state sottoposte a provvedimento di diffida e prescrizione ai sensi della vigente normativa (D. L. 91/2014 e s.m.i.) finalizzate a sanare le non conformità rilevate.