fbpx

Avvocato Mario Soggia, ufficio legale Usb: “Il giudice ha invitato le parti a risolvere la vicenda in sede conciliativa stragiudiziale e ha sollecitato le parti ad individuare una soluzione che preveda l’assunzione a tempo indeterminato dei 47 operatori, rinunciando alle retribuzioni pregresse, oppure a trovare vie alternative in termini esclusivamente indennitari e risarcitori.

La posizione dell’Usb permane la stessa a favore dell’assunzione con contratto a tempo indeterminato degli operatori che hanno prestato la loro attività durante l’emergenza Covid, ritenendo ingiusta una chiusura della vertenza con l’esclusivo indennizzo economico. La causa è stata rinviata al 15 dicembre al fine di dare il tempo alle parti per valutare la proposta conciliativa”.

Franco Rizzo, coordinatore provinciale Usb Taranto: “Considero il fatto di dover ricorrere al Giudice del Lavoro per risolvere in particolare questa vicenda, una sconfitta della politica che dovrebbe certamente riflettere. Riflettere soprattutto sul fatto che, quando tutti eravamo chiusi in casa per paura e per necessità di difenderci dal contagio, questi lavoratori venivano definiti ”Eroi” nei telegiornali, eroi dei quali però la politica si è dimenticata in fretta.

Mi sento di dire che questo produce la distanza dei cittadini, e nel caso specifico dei lavoratori, dalla politica e quindi si spiega facilmente il dato relativo all’affluenza alle urne nelle ultime elezioni. Noi, tornando alla vertenza, a questo punto ci aspettiamo la migliore soluzione, certi del grande lavoro che sta portando avanti il nostro legale Mario Soggia”.