fbpx

“Perché il sindaco non affida l’incarico per la redazione del nuovo Piano Urbanistico Generale? È questa la domanda che Fratelli d’Italia avrebbe voluto rivolgere al sindaco ma anche questa mattina Melucci, che detiene ad interim la delega all’urbanistica, ha disertato la commissione Assetto del Territorio nella quale si discuteva della variante urbanistica con la quale si vuole autorizzare la costruzione di ulteriori medie strutture di vendita in località Auchan.

Melucci però è intervenuto sulla questione con una lettera alla stampa a sostegno della variante urbanistica nella quale ha dimenticato che egli stesso ha chiesto di ritirare questo provvedimento al fine di demandare tutte le decisioni al Pug come sta avvenendo per altre pretese private nel restante territorio comunale. 

Il fermo di questo provvedimento da parte del sindaco ha riscontro dal verbale della Commissione Consiliare Assetto del 30 ottobre 2020 che peraltro è allegato alla proposta di delibera. Occorre sottolineare a proposito che dalla delibera di giunta n. 270/2018, con la quale si dava mandato di dividere il comparto 32 in subcomparti, all’arresto del provvedimento del 2020 sempre da parte di Melucci interveniva nel 2019 l’approvazione unanime da parte del Consiglio Comunale del Documento Programmatico Preliminare nel quale si approvavano gli obiettivi strategici che il nuovo Pug avrebbe dovuto perseguire.

L’approvazione di tale documento, il D. P. P., è spartiacque in quanto la programmazione urbanistica dell’intero territorio è ormai tracciata e non si possono “infilare” ora varianti urbanistiche di tale impatto per realizzare i piani particolareggiati attuativi del vecchio piano regolatore non realizzati dal settantotto ad oggi tenendo ferma la redazione del Pug.

Il sindaco ha accusato l’opposizione di voler frenare lo sviluppo ordinato e logico della città quando invece noi chiediamo proprio che si attui uno sviluppo ordinato e logico della città attraverso lo strumento che ciò può realizzare appieno: ovvero chiediamo la redazione del nuovo Piano Urbanistico Generale.

Se il Pug venisse avviato non si correrebbe infatti il rischio di ragionare su varianti ad personam. Allora perché il sindaco non firma l’affidamento per la redazione del Pug a beneficio di tutta la  città e sostiene nuovamente questi ultimi disperati assalti in variante urbanistica? In ultimo il sindaco allude a presunti interessi personali su tale delibera. Si comprende bene che in questa vicenda ci sono interessi personali e proprio per questo chiediamo a Melucci un incontro per discutere ed ascoltare tutte le ragioni in campo. Confronto che egli nega rendendo poco trasparente, anzi oserei dire torpida, questa variante urbanistica.”

Nota di Giampaolo Vietri, Capogruppo Fratelli d’Italia al Comune di Taranto