fbpx

Sarebbe una bolletta dell’energia elettrica di 500mila euro la causa della chiusura di 4 strutture alberghiere afferenti a Caroli Hotels tutte situate nel Salento fra Gallipoli e Santa Maria di Leuca.

Nonostante gli ottimi risultati in termini di affluenza di turisti, Caroli Hotels, non riuscendo a far fronte al pagamento dell’utenza di energia elettrica, decide di chiudere 4 alberghi con comunicazione già inoltrata alla Prefettura di Lecce.

Parliamo di una realtà con oltre cinquant’anni di storia e attività sul nostro territorio. Barbara Neglia, Segretaria generale di Filcams Cgil Puglia, esprime rammarico per il fatto che, ancora una volta, problemi di carattere gestionale, debbano ricadere sui lavoratori e sulle lavoratrici che hanno garantito il successo della stagione estiva con disponibilità, professionalità e flessibilità.

Si augura, quindi, che ci sia un intervento delle Istituzioni di sostegno alle imprese, ispirato dal confronto con parti sociali e associazioni datoriali, e che l’azienda possa ripensare a una scelta che metterebbe in forte difficoltà economica trecento famiglie, depaupererebbe l’offerta di un territorio a forte vocazione turistica e creerebbe un pericoloso precedente per gli altri operatori presenti in Salento.

Mirko Moscaggiuri, Segretario di Filcams Cgil Lecce, ribadisce quanto già riferito dalla Neglia e parla di molte aziende turistiche del territorio, piccole, medie e grandi che esprimono preoccupazione sulla tenuta dei conti a fronte delle crescenti spese energetiche e paventano un conseguente rischio di perdita di occupazione.

Moscaggiuri teme che si inneschi una bomba sociale, data da licenziamenti diffusi, soprattutto in vista di un periodo autunnale-invernale, che si preannuncia critico dal punto di vista energetico ed economico.