fbpx

Oltre 18 milioni di morti nel mondo, ogni anno, per patologie cardiovascolari. Ad oggi ritenute la più frequente causa di ospedalizzazione e la principale causa di mortalità, soprattutto nei Paesi industrializzati.

A Martina Franca, per due giorni (30 settembre e 1 ottobre), si accendono i riflettori del mondo sanitario con il XXXVIII congresso regionale Arca Puglia, uno degli eventi più attesi in ambito scientifico regionale, e il XIII congresso provinciale Ionico con importanti relatori a carattere nazionale.

Il duplice appuntamento si pone come riferimento nell’aggiornamento professionale e nell’approfondimento, anche alla luce delle più recenti acquisizioni scientifiche e con un’attenzione specifica alla pratica clinica quotidiana.

A confronto medici chirurghi specialisti, medici di famiglia, fisioterapisti e infermieri su iniziativa dell’Arca, associazione medico scientifica costituita da 4mila cardiologi iscritti in tutta Italia. Il presidente per la Puglia è il dottor Angelo Aloisio, responsabile scientifico dell’evento.

«Scompenso cardiaco- anticipa- ipertensione arteriosa e fibrillazione atriale sono le patologie di maggiore incidenza nella popolazione, specie in quella di età avanzata, e costituiscono la maggior causa di disabilità e di ospedalizzazione, oltre che di mortalità. È per questa ragione che la gestione del paziente richiede una forte collaborazione tra ospedale, impegnato nella diagnosi e nella gestione delle fasi più complesse, e territorio, al quale spettano il follow-up e la continuità assistenziale».

Impegno dal punto di vista gestionale e risorse economiche sono le linee guida per assicurare la corretta diagnosi, il trattamento terapeutico più idoneo e la successiva assistenza ai pazienti cardiopatici. In Europa, nonostante la riduzione della mortalità per questo fattore rispetto ad altri continenti, oltre 4 milioni di europei muoiono ogni anno. «Significa- sottolinea ancora Aloisio- che il 45% di tutte le morti riconosce una causa di patologia cardiovascolare».

I lavori si terranno nelle sale del Park Hotel San Michele di Martina Franca (venerdì 30 settembre dalle ore 9 alle 18 e sabato 1 ottobre delle ore 9 alle 13). Saranno presenti circa 70 relatori e moderatori, tra i rappresentanti di maggior prestigio della cardiologia pugliese e nazionale. Tra tutti, il presidente nazionale Arca, dott. Giovanni Zito; il professore Paolo Rizzon, presidente onorario del congresso e fondatore della cardiologia pugliese; e i professori: Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto nazionale della Sic, società italiana di cardiologia; Marco Ciccone, direttore della scuola di specializzazione in Cardiologia dell’Università di Bari e Natale Brunetti, direttore della scuola di specializzazione in Cardiologia dell’Università di Foggia.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi