fbpx

«È di questi ultimi giorni la notizia del restauro del Ponte Girevole San Francesco di Paola di Taranto, che avrà luogo a partire da giugno 2023. A dire il vero, però, la ristrutturazione di uno dei più importanti simboli, nonché di una delle più importanti infrastrutture del capoluogo ionico, avviene a valle di un intenso percorso.

I lavori, cui parteciperanno di concerto Marina Militare – Ministero della Difesa, Comune di Taranto e Ministero della Cultura, sono stati finanziati nell’ambito del CIS Taranto da me coordinato ai tempi del Governo Conte II. La messa in sicurezza e l’ammodernamento del Ponte Girevole, fa parte di un più ampio disegno di rinascita della Città dei Due Mari lanciato dal Governo Conte II. Si tratta del CantiereTaranto, che è il progetto di riconversione economica, sociale e culturale di Taranto.

In tale ambito fummo capaci di trovare risorse economiche per un ammontare di oltre 90 milioni di euro destinati al recupero delle aree di interesse culturale di Taranto e, in particolare, della Città Vecchia.

Gli altri siti d’interesse oggetto di finanziamento dalla misura, alcuni dei quali sono già entrati in cantiere, sono Palazzo D’Ayala, Piazza Castello, Piazza Fontana, le Mura Aragonesi, la rete degli ipogei e diversi siti archeologici, nonché Palazzo Delli Ponti, Palazzo De Bellis, il waterfront Mar Piccolo, le pavimentazioni storiche della Città Vecchia, Palazzo Carducci e Palazzo Troilo. Grazie al MoVimento 5 Stelle il volto di Taranto sta cambiando, e proprio in questo clima elettorale dove contro di noi si è azionata una macchina del fango senza precedenti, è importante ricordare chi, nonostante tutto, ha continuato a lavorare nell’interesse di una comunità che non vede l’ora di lasciarsi anni e anni di mala gestio alle spalle».

Lo afferma in un comunicato stampa il Sen. Mario Turco, Vicepresidente del MoVimento 5 Stelle e già Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alla Programmazione Economica e agli Investimenti nel Governo Conte II.