fbpx

“Ieri, abbiamo inviato una richiesta d’intervento allo Spesal per la tutela e la sicurezza dei lavoratori, all’interno dello stabilimento tarantino Acciaierie d’Italia.

Dopo aver cercato di ottenere risposte da parte dell’azienda su una problematica di sicurezza legata alla bagnatura delle strade e all’inefficienza dei mezzi di trasporto interni, sprovvisti di aria condizionata, purtroppo siamo costretti a chiedere interventi dall’esterno, perché ci troviamo di fronte ad un datore di lavoro che ignora le segnalazioni, anche se le stesse mettono a serio rischio la salute e la sicurezza dei propri dipendenti.

Le polveri e gli agenti patogeni che si accumulano sul manto stradale potrebbero infatti rappresentare un pericolo, in particolar modo in alcune zone come le aree a caldo; ciononostante, pur avendo segnalato una simile problematica, l’azienda continua la sua latitanza, ed i lavoratori continuano ad essere esposti.

Gravissimo è l’atteggiamento assunto da un’azienda che nelle scorse settimane è stata destinataria dell’ennesimo atto di fiducia da parte dello Stato, attraverso un cospicuo aiuto economico, dimostrandosi inadeguata a gestire lo stabilimento.
L’USB continuerà a svolgere il proprio compito accanto ai lavoratori, perché vengano rispettati i loro diritti, malgrado la gestione nefasta della fabbrica tarantina si vada consolidando sempre più.”

Nota di Vincenzo Mercurio, Coordinatore di fabbrica Usb

(foto di repertorio)

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi