fbpx

“Nessun rammarico sulla scelta di Calenda anzi, con il senno di poi, solo il dubbio di averci dedicato troppo tempo e attenzioni. D’altronde, quando si è vittima della propria presunzione, non si può essere un alleato affidabile con il quale costruire una coalizione seria e competente, che è ciò che serve oggi all’Italia e all’Europa.

Se a questo ci aggiungiamo le posizioni politiche sull’industria, il siderurgico e il carbone, ci convinciamo ancora di più che la linea Calenda non è assolutamente compatibile con il grande percorso di transizione e decarbonizzazione avviato in Puglia dal Presidente Emiliano e, a Taranto, dal Sindaco Melucci.

Il PD non arretri un centimetro da questa posizione e sia promotore e sostenitore convinto di politiche di riconversione industriale in chiave sostenibile e innovativa, come è giusto che il principale partito riformista e progressista d’Italia faccia.

A Taranto, insieme con le forze politiche che comporranno la nostra coalizione, lavoreremo per le migliori candidature possibili in linea con questa agenda politica e il buon operato delle amministrazioni locali.”

Nota di Mattia Giorno, Sub-Commissario PD

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi