fbpx

Per fronteggiare la necessità di sangue che si presenta maggiormente durante il periodo estivo, i militari dei Carabinieri e della Marina Militare hanno risposto all’appello della Asl Taranto.

In particolare, gli allievi del 2° ciclo del 140° Corso della Scuola Carabinieri e gli allievi della Scuola Sottufficiali della Marina Militare di Taranto, hanno dimostrato la loro solidarietà donando il sangue presso il Centro Trasfusionale del “SS. Annunziata”, situato presso il “Padiglione Vinci”.

Il sangue e gli emocomponenti sono una esigenza quotidiana: ne hanno bisogno trapiantati, dializzati, leucemici, talassemici, microcitemici, pazienti domiciliari, oltre a pazienti sottoposti ad interventi chirurgici d’urgenza. Il sangue non può essere riprodotto artificialmente, pertanto la sua disponibilità dipende dalla solidarietà della popolazione e dalla generosità delle donazioni.

All’appello dei giorni scorsi del Direttore generale della Asl Taranto, dott. Vito Gregorio Colacicco, hanno risposto con prontezza ed entusiasmo i militari, sugellando, ancora una volta, la sinergica collaborazione che da anni li vede coinvolti su questo fronte.

“Ringrazio l’arma dei Carabinieri e la Marina Militare per il loro prezioso e costante contributo – ha affermato il dott. Colacicco – La sensibilità e la solidarietà che da sempre dimostrano verso questa importante tematica sono fondamentali non soltanto per la nostra Azienda, ma per l’intera popolazione del territorio. Donare il sangue è un atto di solidarietà che permette di fare del bene e salvare delle vite. Ognuno di noi – continua – può attingere, in caso di necessità e in ogni momento, a questa risorsa collettiva”.

Si ricorda, che possono diventare donatori tutti coloro che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 70 anni, peso maggiore di 50 kg e buono stato di salute. Inoltre, è necessario non aver assunto farmaci antinfiammatori negli ultimi 7 giorni, antibiotici e antistaminici negli ultimi 15 giorni. Donare è un gesto anonimo e sicuro che permette di fare del bene a sé stessi e alla comunità.