fbpx

Il Festival della Valle d’Itria entra nel vivo con l’avvio delle due rassegne di quest’anno: “Il canto degli ulivi”, il format che porta la musica del Festival nelle masserie del territorio, e “L’opera al cinema”, nuova iniziativa ideata dal direttore artistico Sebastian F. Schwarz che unisce il mondo della lirica alle produzioni della Settima arte.

Si inizia subito mercoledì 20 luglio alle ore 21 alla Masseria Capece di Cisternino l’ensemble I Bassifondi (Gabriele Miracle, percussioni; Stefano Todarello, colascione e sordellina; Simone Vallerotonda, tiorba, chitarre e direzione) aprirà il ciclo di concerti “Il canto degli ulivi” con il programma dal titolo “Alfabeto falso” e l’esecuzione di brani rinascimentali e barocchi.

Come ormai da tradizione, gli appuntamenti del Canto degli ulivi sono seguiti dalla degustazione proposta dal Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria, platinum partner del Festival, che promuove una delle dop più amate di tutta Italia.

L’iniziativa, molto amata anche dal pubblico estero, si ripeterà venerdì 22 luglio alle 21 sarà invece la Masseria Belvedere di Mottola ad ospitare il recital dei solisti del Festival che sostituiscono il concerto di Andrea Mastroni, costretto ad annullare la data per motivi di indisposizione.

Saranno quindi il soprano Alessia Panza, il mezzosoprano Ksenia Chubunova, il tenore Dagur Thorgrimsson e il baritono Alexander Ilvakhin ad esibirsi interpretando brani di Mozart, Rossini, Bellini, Verdi, Tchaikovaky e Wagner accompagnati dal pianoforte di Liubov Gromoglasova.

Il 21 luglio Palazzo Ducale si trasformerà in un grande cinema all’aperto per Silent Carmen: saranno proiettate le pellicole Carmen di Cecil B. DeMille (1915) e A Burlesque on Carmen di Charlie Chaplin, entrambe del 1915 ed ispirate ad uno dei personaggi dell’opera più carismatici ed affascinanti della storia della lirica, la cui vicenda è stata resa immortale dalla musica di Bizet.

L’Orchestra della Magna Grecia sarà in buca per eseguire le colonne sonore dei film e sarà diretta per l’occasione dallo specialista Timothy Brock. La nuova rassegna “L’opera al cinema”, avrà un primo appuntamento il 20 luglio alle 21, al Teatro Verdi, con la proiezione del film-opera Gianni Schicchi, adattamento cinematografico del titolo di Giacomo Puccini del regista Damiano Michieletto.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi