fbpx

Nota del consigliere regionale, Massimiliano Stellato: “Destinare gli 8 milioni di euro di risarcimento dovuti dall’ex Ilva al Comune, a famiglie delle vittime dell’inquinamento. È la proposta di Massimiliano Stellato, consigliere regionale e comunale.

“La sentenza di primo grado – prosegue Stellato – con cui il Tribunale civile ha condannato l’ex Ilva, relativamente alla pregressa gestione del gruppo Riva, al risarcimento dei danni da inquinamento nei confronti del Comune di Taranto e delle società partecipate assume un’importanza rilevante.

Sancisce come la fabbrica dell’acciaio abbia arrecato, per diversi anni, significativi danni alla città. So bene che é solo una sentenza di primo grado e che il cammino giudiziario sarà ancora lungo, ma sento di proporre al Comune di accantonare, e poi devolvere, buona parte del risarcimento ottenuto alle famiglie di coloro che, per colpa delle emissioni inquinanti, hanno perso la vita.

Mi riferisco, in particolare, agli 8 milioni di euro riconosciuti dal giudice per i danni non patrimoniali, ovvero alla reputazione ed all’immagine della città di Taranto. La mia proposta è ovviamente rivolta alle famiglie delle vittime dell’inquinamento per le quali è stato, o sarà, accertato il nesso di causalità. In tale contesto e nel rispetto dell’ordinamento, occorrerà ovviamente coinvolgere il mondo scientifico, medico e giuridico per costruire il percorso migliore, che tenga insieme i vari aspetti. Certo, non mi addentrerò nello specifico dei criteri e del merito. Non tocca a me.

Ma compito della politica è anche quello di immaginare percorsi possibili, soprattutto su questioni, come quella ambientale, ampiamente percepite dalla comunità tarantina’.