fbpx

Nota del consigliere regionale, Massimiliano Stellato: “Destinare gli 8 milioni di euro di risarcimento dovuti dall’ex Ilva al Comune, a famiglie delle vittime dell’inquinamento. È la proposta di Massimiliano Stellato, consigliere regionale e comunale.

“La sentenza di primo grado – prosegue Stellato – con cui il Tribunale civile ha condannato l’ex Ilva, relativamente alla pregressa gestione del gruppo Riva, al risarcimento dei danni da inquinamento nei confronti del Comune di Taranto e delle società partecipate assume un’importanza rilevante.

Sancisce come la fabbrica dell’acciaio abbia arrecato, per diversi anni, significativi danni alla città. So bene che é solo una sentenza di primo grado e che il cammino giudiziario sarà ancora lungo, ma sento di proporre al Comune di accantonare, e poi devolvere, buona parte del risarcimento ottenuto alle famiglie di coloro che, per colpa delle emissioni inquinanti, hanno perso la vita.

Mi riferisco, in particolare, agli 8 milioni di euro riconosciuti dal giudice per i danni non patrimoniali, ovvero alla reputazione ed all’immagine della città di Taranto. La mia proposta è ovviamente rivolta alle famiglie delle vittime dell’inquinamento per le quali è stato, o sarà, accertato il nesso di causalità. In tale contesto e nel rispetto dell’ordinamento, occorrerà ovviamente coinvolgere il mondo scientifico, medico e giuridico per costruire il percorso migliore, che tenga insieme i vari aspetti. Certo, non mi addentrerò nello specifico dei criteri e del merito. Non tocca a me.

Ma compito della politica è anche quello di immaginare percorsi possibili, soprattutto su questioni, come quella ambientale, ampiamente percepite dalla comunità tarantina’.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi