fbpx

Il 20 giugno ha assunto l’incarico di Comandante provinciale di Taranto e lunedì scorso ha lasciato definitivamente la guida del Comando di Treviso, effettuando il passaggio delle consegne con il nuovo dirigente. La nomina a Taranto è conseguente alla promozione a Dirigente superiore, conferita dal Consiglio di Amministrazione del Ministero dell’interno con decorrenza 01/01/2022.

Friulano di nascita, si innamora del Corpo nazionale durante il servizio come vigile del fuoco di leva, esperienza che lo porterà a voler partecipare – e a vincere – un concorso pubblico per funzionari tecnici, bandito dal Ministero dell’Interno nel 1989. Inizia così l’avventura professionale, dapprima al Comando dei Vigili del fuoco di Trieste e poi alla Direzione regionale del Friuli Venezia Giulia.

Ricoprirà incarichi prestigiosi sia a livello territoriale che nazionale, entrando a far parte dello Staff del Capo del Corpo nazionale, Dirigente addetto della Direzione regionale dei Vigili del fuoco del Friuli Venezia Giulia, Comandante provinciale di Udine e infine Comandante provinciale di Treviso.

Non è la sua prima volta a Taranto, infatti dal gennaio 2013 al maggio 2014 ha fatto parte della struttura del Commissario Straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, quando l’incarico fu assegnato al Capo del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. Laurea in Ingegneri Edile a pieni voti assoluti e lode all’Università degli Studi di Trieste, Master di II livello in Ingegneria dell’Emergenza all’Università “La Sapienza” di Roma e Master di II livello in “Homeland Security” all’Università Campus Bio-Medico di Roma, relatore in seno al Comitato Centrale Tecnico Scientifico, Componente del Comitato Tecnico regionale per la Prevenzione Incendi e di quello per il Rischio Industriale delle Regioni Veneto – Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, Componente del Comitato Regionale di coordinamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro della Regione Friuli Venezia Giulia, Analista di Rischio, Coordinatore di numerosi Gruppi di Lavoro e Commissioni di Verifica Ispettiva in materia di Rischio di Incidente Rilevante, nonché Componente di vari Gruppi di lavoro in tema di sicurezza e ambiente costituiti in seno ad ISPRA.

È autore e coautore di numerose pubblicazioni in tema di Sicurezza, Prevenzione Incendi e di Rischio Industriale.

Ha partecipato a quasi tutte le calamità nazionali, dal terremoto delle Marche-Umbria del 1997, al Terremoto dell’Aquila del 2009, all’alluvione di Messina del 2009, al terremoto dell’Emilia Romagna del 2012, a quello dell’Italia Centrale del 2016-2017, fino ai soccorsi per la tragedia di Rigopiano (PE) del 2017.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi