fbpx

«Guerra e prezzo delle materie prime frenano la ripresa. I ricavi delle imprese potrebbero ridursi in una forchetta compresa fra il 4% e il 5,2%». Sono queste le previsioni di Cerved che saranno pubblicate venerdì 1 luglio sul trimestrale Industria Felix Magazine, diretto da Michele Montemurro, in edicola in supplemento a Il Sole 24 Ore, dal titolo di copertina «L’altra pandemia».

Nonostante il superamento dello stato di emergenza e l’impatto positivo del PNRR, sono il nuovo quadro geopolitico in essere da febbraio e il rincaro del prezzo delle materie prime i fattori che maggiormente incidono, rallentandola, sulla ripresa economica. È quanto emerge rispetto ad un’analisi sulle prospettive dell’economia italiana in base alle previsioni sulle dinamiche di oltre 200 settori.

Secondo le stime di Cerved, in uno scenario di mancato riassorbimento dei rincari, la redditività lorda in rapporto al fatturato delle imprese italiane potrebbe calare dell’1,3% nel 2022 e dell’1,9% nel 2023 rispetto ai valori previsti prima dello shock delle materie prime (8,4% nel 2022 e 8,6% nel 2023). Restringendo l’analisi ai settori maggiormente impattati dai rincari, gli effetti sarebbero ancora più consistenti, con cali nell’ordine dell’1,7% nel 2022 e del 2,6% nel 2023.

I prezzi più alti, con il conseguente incremento del costo degli acquisti, stanno frenando la dinamica della redditività lorda. «Il ritorno all’economia domestica» è, invece, il titolo dell’editoriale a firma del direttore Montemurro.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi