fbpx

Il fattore di von Willebrand ci salverà dal long-Covid? Come proteggersi dalla cardiotossicità dei chemioterapici? Un farmaco in grado di prevenire l’insufficienza cardiaca è finalmente in vista? Sono alcuni dei temi che saranno affrontati nel corso del workshop “New Roads in Cardiovascular Research”, in programma a Bari venerdì 1 luglio 2022, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica, su iniziativa organizzata dalla SIRC – Società Italiana di Ricerche Cardiovascolari e dall’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”.

Medici e ricercatori di tutta la Puglia e di tutta Italia si riuniranno per approfondire i vari aspetti della ricerca cardiovascolare che sono attualmente in essere in tutto il mondo.

«Una giornata dedicata allo studio per orientare la bussola della ricerca cardiovascolare e continuare a stare accanto al malato con ottimismo e operosa dedizione», spiega il prof. Andrea Gerbino, fisiologo tarantino e Consigliere della SIRC.

«Il convegno è rivolto a tutte le figure specialistiche della ricerca cardiovascolare – aggiunge il dott. Francesco Moccia, Professore Associato dell’Università di Pavia e Vice-Presidente della SIRC e originario di Foggia – con l’obiettivo di divulgare le prospettive future in questo settore, con particolare attenzione ai giovani ricercatori, biologi e medici in formazione». Il workshop sarà articolato in varie sessioni su funzione e disfunzione cardiaca, angiogenesi e cellule staminali, cardioprotezione e stress ossidativo, epigenetica e prevenzione.

«L’evento, – conclude il prof. Tommaso Angelone, Professore Associato dell’Università della Calabria e Presidente della SIRC – condiviso con l’Università di Bari, rappresenta un’occasione importante di incontro fra le più moderne linee di ricerca attive nella Comunità Scientifica Internazionale. Nel campo della ricerca traslazionale cardiovascolare la SIRC è molto attiva e si pone al confine tra il laboratorio ed il letto del paziente, in dialogo continuo con i diversi settori della scienza medica».

La SIRC, dunque, vanta un rapporto profondo con la Regione Puglia, anche grazie ai riconoscimenti attribuiti a giovani cardioscienziati pugliesi durante il recente Congresso Nazionale di Imola, quando sono stati premiati i lavori della Dott.ssa Valentina Casieri, ricercatrice presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e originaria di San Giovanni Rotondo, della Dott.ssa Roberta De Zio, ricercatrice presso l’Ateneo barese e originaria proprio di Bari, e del Dott. Francesco Paolo Lo Muzio, ricercatore presso l’Università di Parma e originario di Foggia.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi