fbpx

Prosegue il ciclo di conversazioni al Museo Archeologico Nazionale di Taranto nell’ambito del progetto FISH&C.H.I.P.S. (Fisheries and Cultural Heritage, Identity, Participated Societies), realizzato grazie al Programma Interreg V-A Greece-Italy.

Mercoledì 22 giugno alle ore 18.00 protagonista di “Taras e i doni del mare. Oltre la Mostra. Conversazioni sul mare e le sue risorse” sarà il dott. Angelo Cossa, archeologo subacqueo, che ci condurrà nel cuore del Salento, per parlare di “Navigando sui muri. I graffiti navali del Salento”.

Storie di marinai, di navi, tratte tra il Basso Salento e il Canale d’Otranto, lette attraverso lo studio dei graffiti navali incisi sulla nuda pietra, nelle segrete dei castelli, sulle facciate delle chiese o nei santuari in grotta.

I graffiti di cui parlerà il dott. Angelo Cossa nel corso della sua conversazione sono inquadrabili maggiormente tra il XVI e XVII secolo e rappresentano la percezione, da parte della gente comune, della geopolitica nelle acque del Mediterraneo.

“Nel periodo storico considerato si ha una rottura degli equilibri internazionali che vedono opposte le due potenze egemoni, Turchi e Veneziani, contendersi il controllo del Mediterraneo Centrale e quindi del Canale d’Otranto – spiega il dott. Angelo Cossa – in questo clima di incertezza politica chi navigava, sia per questioni militari che commerciali, doveva far fronte a questi pericoli e molto spesso si appellava al “divino” per garantirsi una buona navigazione. Questa instabilità politica la si può riscontrare in alcuni dei graffiti presi in esame”.

Le conversazioni su “Taras e i doni del mare” si svolgono con il coordinamento scientifico della direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, Eva Degl’Innocenti, e dei professori Danilo Leone e Maria Turchiano dell’Università di Foggia.

L’appuntamento con “Navigando sui muri, I graffiti navali del Salento” è per mercoledì 22 giugno alle ore 18.00, in diretta sui canali Facebook, Youtube e Linkedln del Museo Archeologico Nazionale di Taranto.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi