fbpx

Prende il via da Taranto da giovedì 16 a domenica 19 giugno Medimex 2022, l’International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale attuato con il Teatro Pubblico Pugliese, per poi proseguire a Bari dal 13 al 15 luglio con un fitto programma che prevede incontri, showcase, attività professionali e il concerto di The Chemical Brothers (14 luglio).

“Siamo stanchi ma felici, ci aspetta un weekend fantastico con Medimex a Taranto, la città del cuore di tutti i pugliesi in questo momento – dichiara il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – Questa squadra formidabile che è la Puglia oggi presenta il Medimex che a Taranto ha il suo centro, il suo epicentro ed è stata la manifestazione attraverso la quale si è ricostruita una trama dell’anima ma anche la forza turistica e culturale di questa città straordinaria. Un weekend strepitoso da seguire minuto per minuto in una città meravigliosa da godersi fino in fondo in una settimana molto importante perché tutti siamo stanchi ma felici.”

“Medimex è una manifestazione di punta per il sistema musicale della Puglia. Dal 2011 rappresenta una sperimentazione di successo nella programmazione culturale dei grandi eventi in grado di coinvolgere musicisti e artisti nazionali ed internazionali, operatori della cultura e del turismo e di produrre benefici in termini di presenze turistiche nei territori che lo ospitano – il commento dell’assessore al Turismo, Sviluppo e impresa turistica della Regione Puglia, Gianfranco Lopane – Quest’anno nuovamente a Taranto e anche a Bari, due splendide città marittime della nostra regione già accomunate dalla candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2022, Medimex è un’opportunità di sviluppo turistico e culturale, quindi anche economico, per la nostra regione. Un crescendo di buone pratiche organizzative, di promozione degli attrattori culturali, di intrattenimento e di occasioni di formazione che nelle edizioni passate hanno fatto registrare incrementi rilevanti sia in termini di flussi turistici che di impatto mediatico. Quest’anno due grandi concerti con Nick Cave e i Chemical Brothers ma anche la musica nel connubio con l’arte per dare lustro ai luoghi della cultura, della storia e della conoscenza come il MArTA. Il Museo si prepara ad accogliere una mostra di grande prestigio in anteprima nazionale: portare a Taranto l’arte visiva di Aubrey Powell che ha accompagnato icone del rock come i Pink Floyd, e non solo, significa rendere le comunità e i viaggiatori partecipi di un’evoluzione artistica esemplare in tutto il mondo. Ci auguriamo che Medimex, anche quest’anno, superi le nostre aspettative e porti ancora risultati grandiosi”.

“Eccoci alla prima tappa di questo Medimex 2022 che ci fa tornare alla normalità, dopo due edizioni che si sono svolte in digitale e in versione ibrida, e che da Taranto segna la partenza delle attività musicali in Puglia in questa lunga e ricca estate che offrirà numerosi festival e manifestazioni – il commento della consigliera delegata alla Cultura delle Regione Puglia, Grazia Di Bari – Medimex riparte da Taranto con un programma straordinario che come di consueto si svolge in alcuni dei luoghi più suggestivi di una città di una bellezza abbacinante che incanterà i numerosi spettatori che accorreranno da tutta”.

“Taranto è la casa del Medimex. In questi anni si è creato un rapporto così forte che ha creato una simbiosi tale tra la città e la manifestazione che c’è una naturale identificazione tra le due – dichiara Cesare Veronico, coordinatore artistico Medimex/Puglia Sounds- mi aspetto una grande risposta da parte dei tarantini, la consueta partecipazione entusiastica a questa grande festa della musica ”.

“Qualche anno fa, quando è nata l’idea di trasferire alcuni degli eventi regionali a Taranto, lo abbiamo fatto con una strategia ben precisa: abbiamo immaginato dei momenti capaci di riattivare un modello di sviluppo che passasse da un’idea di rigenerazione culturale della città. Quest’ultima si realizza per mezzo delle cose belle – il commento del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci – Allora, ragionavamo sul modello da portare a Taranto e abbiamo puntato sulle esperienze, sugli elementi in grado di trasferire fuori dal territorio un’immagine di bellezza, capace di cambiare mentalità e modello di sviluppo economico. Il Medimex si è inserito in questa strategia e sta contribuendo a donare ai tarantini la consapevolezza che la transizione è possibile. Tra qualche anno quando guarderemo indietro e vedremo una città che si è evoluta nella testa, nella cultura, oltre che nelle sue infrastrutture, penseremo anche all’apporto di eventi e momenti come questo. Per quello che ha rappresentato e rappresenterà il Medimex io dico grazie a nome di tutta la comunità tarantina”.

“Musica, eventi e turismo come il Medimex sono un motore formidabile per stimolare la conoscenza di un luogo. Taranto, dove gli appuntamenti imperdibili del Medimex puntualmente tornano ogni anno sta consolidando così, un passo per volta, la sua nuova storia di capitale culturale della Magna Grecia in una tessitura che incrocia, mirabilmente, il passato e il presente” dichiara Luca Scandale, direttore generale Pugliapromozione.

“Con Medimex 2022 riparte la musica in Puglia e siamo lieti cha la ripartenza parta da Taranto, città che ha accolto la manifestazione nel 2018 e ogni anno lo celebra con grande affetto – dichiara Marco Giannotta, vice presidente Teatro Pubblico Pugliese –Anche quest’anno il Medimex porta in città, e in Puglia, un calendario di appuntamenti di rilievo internazionale tra mostre, incontri e l’imperdibile concerto di Nick Cave and The Bad Seeds”.

“Oggi sono arrivato a Taranto e, come prima immagine, ho visto nel porto una nave da crociera. Questo mi ha emozionato e mi ha restituito il senso di quello che sta accadendo in questa città. Il Medimex è un grande evento, che contribuisce a questo cambiamento ma che, ovviamente, ha un costo: la nostra Regione, su questo punto, ha fatto la scelta di finanziare questo evento con i fondi strutturali europei, che sono fondi di sviluppo e coesione – il direttore del Dipartimento regionale Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio, Aldo Patruno – Una scelta che nessuno ha messo in discussione perché l’evento culturale di valorizzazione del territorio è, di fatto, uno strumento di sviluppo e coesione del territorio. La dimostrazione di tutto questo è che oggi nel Pnnr, il principale strumento di sviluppo dell’Italia, c’è un capitolo sul turismo che si chiama in cui i grandi eventi sono assunti come promotori del brand Italia nel panorama nazionale e internazionale. Il tema che accomuna la rinascita di questa città è nella radice stessa del nome Medimex: il Mediterraneo, la centralità della Puglia del Mediterraneo e quindi Taranto capitale del Mediterraneo. Questo evento rappresenta la grande fiera della musica del Mediterraneo che, insieme alla Biennale del Mediterraneo e ai giochi del Mediterraneo, ci offre un’ottima capacità di pianificazione e programmazione per l’intera Puglia. Ecco perché Il Medimex non può essere considerato un evento estemporaneo: perché, nel suo ruolo di sostegno al comparto musicale della regione, è parte integrante di questa grande strategia di sviluppo.”

“Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto partecipa al Medimex con una mostra sui Pink Floyd and beyond, co-organizzata dal Museo, dalla Regione Puglia, dal Teatro Pubblico Pugliese e daPuglia Sounds – il commento di Eva Degl’Innocenti, direttrice Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MarTA – La musica unisce il patrimonio storico-archeologico del Museo, costituito da antichi strumenti musicali e iconografie, di tarantini illustri dell’Antichità come Archita e Aristosseno a quello della musica dei Pink Floyd, dei Led Zeppelin, di Peter Gabriel, dei Genesis, dei Rolling Stones. Una narrazione che attraversa secoli e millenni”.

Numerose le attività in programma a Taranto, si parte giovedì 16 giugno alle ore 19.30 al MarTA con l’incontro con Aubrey Powell, modera Carlo Massarini, fondatore con Storm Thorgerson dello Studio Hipgnosis che ha contribuito ad un incredibile salto nella grafica e nel design, trasformando le cover da fotografie degli artisti in una nuova e potentissima forma d’arte. E Aubrey Powell è il protagonista della mostra in anteprima nazionale Hipgnosis Studio: Pink Floyd and Beyond, in programma dal 16 giugno al 17 luglio al MarTA, che ripercorre la storia di uno dei gruppi più importanti della musica rock attraverso il lavoro dello studio grafico che aiutò a tradurre in immagini la loro opera sonora. Non è infatti possibile immaginare i Pink Floyd senza le copertine dei loro album, che sono diventati dei veri e propri simboli, e dietro a quelle copertine c’erano Storm Thorgerson e Aubrey Powell, ovvero lo Studio Hipgnosi.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi