fbpx

«Da dove arrivano i clowns? Non si sa. Forse dal cielo. Arrivano, sono insieme e salvano lo spettacolo», per dirla con le parole del maestro francese Philippe Gaulier. Il TaTÀ torna ad ospitare la formazione dell’attore e lo fa giocando. Dal 13 al 18 giugno, all’auditorium di via Deledda, ai Tamburi di Taranto, il Crest promuove “Da dove arrivano i clowns?”, laboratorio intensivo sulla tecnica e ricerca del clown. Complice e conduttrice di questo nuovo percorso formativo sarà Rosa Masciopinto, docente di improvvisazione e drammaturgia dell’attore.

Il mondo del clown è una straordinaria palestra per l’improvvisazione teatrale, per il suo necessario contatto diretto e immediato col pubblico. Il clown non è un personaggio né una maschera, ma è l’attore stesso che gioca il gioco della verità: se è disponibile a prendersi in giro, se non si vergogna nel rendersi ridicolo, l’attore può scoprire l’enorme piacere di essere un clown.

Della durata di sei giorni e attività quotidiana dalle ore 10 alle 18 (con pausa pranzo), il laboratorio è aperto alla partecipazione di attori professionisti e di giovani in formazione. I selezionati avranno l’obbligo di frequentare tutti gli incontri previsti secondo le indicazioni e le direttive della conduttrice. La quota d’iscrizione è di 100 euro, che, in caso di ammissione, potrà essere versata personalmente all’inizio del percorso formativo.

La richiesta di partecipazione al laboratorio intensivo – corredata di curriculum con foto, lettera di motivazione, copia documento d’identità valido e domanda di ammissione (scaricabile nella voce di menu “formazione” del sito teatrocrest.it) – dovrà essere inviata all’indirizzo email formazione@teatrocrest.it, specificando nell’oggetto “Da dove arrivano i clowns?”, entro le ore 24 del 9 giugno 2022. Info: 366.3473430.

ROSA MASCIOPINTO

Attrice, drammaturga, regista, pedagoga. Calabrese di nascita, romana di adozione, debutta come clown nel 1978 e, dopo un apprendistato in Commedia dell’Arte, continua a studiare improvvisazione, canto e movimento in Italia, Francia e Inghilterra. Dà vita per quindici anni al duo “Opera Comique” con cui scrive e mette in scena cinque atti unici originali trasmessi anche da Radio Rai: due vengono pubblicati e l’ultimo è scritto con la collaborazione di Jean-Claude Carrière. È la protagonista femminile del cortometraggio “Senza parole” vincitore del Premio Troisi ’96, del David di Donatello 1997 e candidato agli Oscar dello stesso anno. Insegna “Improvvisazione e Drammaturgia dell’Attore” in Francia, Spagna, Canada e Stati Uniti, in Italia all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma e all’Accademia del Teatro Bellini di Napoli.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi