fbpx

Conferma il suo talento il pugile Giovanni Rossetti con il match che ha disputato questo venerdì 27 maggio al Palazzetto dello sport di Casoria per l’evento sportivo di Promo Boxe Italia e ha reso felici il procuratore Mario Loreni e il maestro Cataldo Quero che lo seguono nei profili manageriale e tecnico.

Davanti al pubblico napoletano, infatti, il giovane Rossetti ha messo in difficoltà il suo avversario Giuseppe Rauseo al punto che, il pugile campano, – mestierante e conoscitore di ring, – sembra quasi si sia messo d’impegno sin da subito per far terminare prima il match evitando così le sei riprese e i colpi pericolosi di Rossetti.

Ed è andata proprio così: dal primo gong dell’incontro i pugni pesanti di Rossetti hanno trafitto la guardia chiusa di Rauseo, il quale ha iniziato a fare scorrettezze per ostruire le azioni di Rossetti e, sempre più frequenti, hanno richiesto da parte dell’arbitro prima i richiami verbali, poi due richiami ufficiali e alla terza ripresa hanno decretato la fine del match – palesemente a senso unico per Rossetti, – con la squalifica di Rauseo.

Un repertorio tecnico eseguito come sempre in maniera impeccabile per il peso medio tarantino della Quero-Chiloiro, misurato sull’avversario che ogni volta incontra sul ring, e questa volta lo ha visto eseguire azioni con montanti sul più basso Rauseo, colpi lunghi e incisivi per tenerlo a distanza e il diretto destro potente a chiudere gli scambi.

E finalmente si parla di titoli in palio per il prossimo appuntamento che vedrà Rossetti sul ring: la data importante per gli amanti della boxe tarantina è quella del 29 luglio quando, in occasione del rituale “Città di Taranto”, potranno assistere dal vivo al match di sfida per il titolo intercontinentale youth WBC dei pesi medi, la prima tappa importante per la scalata gloriosa nel mondo della boxe per l’ormai beniamino pugile di casa Nino Rossetti.

L’evento tarantino organizzato dalla Quero-Chiloiro tornerà a brillare per la sua 21^edizione nella splendida cornice del castello aragonese grazie all’ospitalità dell’ammiraglio Salvatore Vitiello, da sempre vicino allo sport e alla società del maestro benemerito Vincenzo Quero.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi