fbpx

“Nei giorni scorsi la Leonardo ha comunicato alle segreterie territoriali FIM, FIOM e UILM, il ricorso della cassa integrazione guadagni ordinaria per ulteriori 13 settimane a partire dal 18 aprile 2022.

Il protrarsi della CIGO, è sempre legato alla crisi congiunturale dell’aviazione civile e della conseguente riduzione dei carichi di lavoro.

Il ricorso agli ammortizzatori sociali, è stato uno degli strumenti gestionali individuati e definito nell’accordo quadro del 17 gennaio 2022. Tuttavia, lo stesso accordo quadro, nel “reciproco impegno volto a strutturare un percorso utile a traghettare la Divisione nel superamento dell’attuale crisi congiunturale…”, definisce una serie di azioni e strumenti gestionali, che attualmente non risultano essere state affrontate in nessuna discussione.

La compensazione territoriale attraverso lo strumento dei prestiti temporanei presso altre divisioni, avviata nel corso del 2020 e 2021, riteniamo sia una leva prioritaria da utilizzare per la riduzione del vuoto lavoro, così come previsto dall’accordo quadro Leonardo del 17 gennaio 2022.

Purtroppo, a pochi mesi dalla firma dell’accordo quadro, registriamo il preoccupante mancato rispetto dell’accordo da parte della Leonardo, nonostante ci siano divisioni della Leonardo One Company non impattate da riduzione dei volumi ma al contrario interessate da incrementi di carichi produttivi.

Abbiamo appreso infatti in queste ore che i lavoratori di Grottaglie in prestito presso il sito di Pomigliano D’Arco (montatori ATR e CQ Bonding OPF), rientreranno nel prossimo mese di aprile, mentre contestualmente nella divisione si ricorre ad un incremento delle ditte terze.

A questo si aggiunge la mancanza di una pianificazione definitiva per ciò che riguarda il prestito temporaneo dei lavoratori presso altre divisioni del gruppo. Quanto sta accadendo, fa venire meno il principio di solidarietà anche e soprattutto tra siti all’interno della Divisione, che finora ha permesso di non aggravare uno scenario già di suo complesso per Grottaglie.

Come UILM non permetteremo che l’intesa siglata con sacrificio da parte di tutti i lavoratori, diventi una mera propaganda utilizzata dall’azienda esclusivamente per consolidare la propria immagine. Per venerdì 8 aprile è stato calendarizzato l’incontro sindacale circa la proroga di ulteriori 13 settimane di cassa integrazione.

Pertanto, come già ribadito nelle scorse settimane e come previsto dall’accordo stesso, riteniamo necessario approfondire in primo luogo il monitoraggio dei carichi di lavoro nelle divisioni dell’intero gruppo, al fine di far emergere un fabbisogno di risorse, che saranno messe a disposizione dalla Divisione Aerostrutture ed in particolar modo dal sito di Grottaglie, ed inoltre analizzare il processo di up/re-skilling finalizzato non solo alla salvaguardia delle professionalità e delle competenze delle Aerostrutture, ma anche come strumento di riduzione dell’insaturazione.

Oltre ciò, occorre che l’Azienda chiarisca l’avanzamento sull’accesso al Piano Nazionale Nuove Competenze, quale strumento che in questa fase possa tangibilmente sostenere i lavoratori nel periodo di vuoto lavoro ed al contempo permetta di formare profili e professionalità per le attività industriali che vedranno lo Stabilimento di Grottaglie interessato nel prossimo futuro.

Infine, a distanza di 3 mesi dall’ultimo incontro di Divisione, e così come annunciato dai vertici aziendali negli incontri con le organizzazioni sindacali e nei comunicati stampa Leonardo, ci aspettiamo aggiornamenti tangibili circa le nuove attività e le trattative commerciali in corso con i player del settore e per le nuove iniziative destinate al sito grottagliese.

Come UILM e per lo stabilimento di Grottaglie, non è più rimandabile una concreta discussione di merito sui temi sopra elencati, alla luce di probabili riduzioni dei volumi produttivi dell’anno in corso, e soprattutto in considerazione di quanto accadrà nelle restanti divisioni, aumentando il divario già accentuato di suo tra il Mezzogiorno d’Italia (e Grottaglie tra tutte) ed il resto della “One Company”.

RSU UILM TARANTO Sito Leonardo Grottaglie

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi