fbpx

«Sulla questione concessioni balneari, la posizione del MoVimento 5 Stelle è sempre stata quella di un giusto punto di equilibrio fra gli interessi dello Stato a valorizzare il patrimonio pubblico e a riscuotere congrui canoni, la tutela delle imprese e delle attività produttive anche per l’accesso al mercato, la salvaguardia dell’interesse dei consumatori nel poter scegliere se usufruire di servizi a pagamento piuttosto che pubblici e il rispetto dei diritti dei lavoratori con l’introduzione della clausola sociale di continuità lavorativa», spiega in un comunicato stampa il Sen. Mario Turco, Vicepresidente del MoVimento 5 Stelle, che prosegue: «Come M5S abbiamo definito la proposta governativa un buon inizio, poiché ricalca il lavoro effettuato da noi in occasione dell’emendamento a mia prima firma presentato in Manovra 2022, che ha rappresentato un vero e proprio punto di partenza.

Gli emendamenti verranno discussi nelle prossime settimane e ci aspettiamo vengano accolti per risolvere una volta per tutte questa questione che si trascina da oltre 10 anni», e ancora: «Noi siamo vicini alle imprese. È bene sgomberare il campo da dubbi e perplessità. Non regaliamo illusioni e non facciamo propaganda e, soprattutto, diciamo basta alle strumentalizzazioni. Siamo costruttori di soluzioni, la nostra parola d’ordine è sempre stata “equilibrio e risolutezza”.

In questi mesi abbiamo fatto un grande lavoro accanto a imprese e operatori del settore, insieme alle associazioni, condividendo idee, proposte e soluzioni. Ci sono stati numerosi incontri, sia in presenza che in call, utilissimi a mettere sul tavolo soluzioni che potessero garantire l’interesse delle imprese, dello stato, dei cittadini e dell’ambiente.

A testimonianza di ciò, proprio ieri, ho partecipato a Napoli, insieme all’On. Leonardo Donno, al convegno, “Le concessioni demaniali a uso turistico-ricreativo nel quadro della legge annuale per il mercato e la concorrenza”, per il quale ringrazio dell’invito il presidente nazionale di Confimprese Demaniali Italia, Mauro Della Valle». Conclude Turco: «Vogliamo dare certezza a un settore che nell’ultimo decennio ha vissuto nell’incertezza giuridica, di false speranze e di promesse illusorie di buona parte della politica.

Vogliamo tutelare l’interesse pubblico ma, allo stesso tempo, intendiamo sostenere chi opera da anni in maniera virtuosa: ci sono investimenti e know-how da non disperdere. Da parte nostra c’è la massima disponibilità a continuare a lavorare nell’interesse del Paese, delle imprese del settore, dei lavoratori e degli utenti. Ci saranno davanti giorni e settimane di lavoro in commissione al Senato, e solo confrontandosi costantemente si potrà arrivare alla migliore soluzione».

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi