fbpx

Convegno Internazionale Taras e Vatl. Ricerca e boom di fruitori digitali

Si sono conclusi ieri a Taranto i lavori del Convegno Internazionale di Studi “Taras e Vatl. Rapporti tra Magna Grecia ed Etruria nell’ambito dell’Italia preromana”.

Il convegno è stato realizzato nell’ambito di un lavoro di ricerca e educazione in tre atti (la mostra toscana, quella pugliese e lo stesso convegno -ndr) curato da Eva Degl’Innocenti, direttrice del MArTA, e Simona Rafanelli, direttrice del Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia.

A quasi trent’anni dal XXXIII Convegno di Studi sulla Magna Grecia dal titolo “Magna Grecia Etruschi Fenici”, tenutosi a Taranto nel 1993, circa quaranta studiosi afferenti a Università, Enti di ricerca, Istituti del Ministero della Cultura e musei di enti territoriali si sono dati appuntamento al Teatro Comunale Fusco di Taranto, messo gentilmente a disposizione dal Comune di Taranto, co-organizzatore dell’evento, per un approfondimento scientifico sui rapporti fra Magna Grecia e mondo etrusco, senza trascurare le altre realtà che componevano il variegato mosaico etno-culturale della Penisola.

«Un mondo variegato e interconnesso che dall’età del ferro all’età ellenistica (VIII-III sec. a.C.) – dice la direttrice del MArTA, Eva Degl’Innocenti – non ha mancato di affascinare, meravigliare e lanciare segnali che aiuteranno ricercatori ed esperti a comprendere ancora meglio lo stimolo culturale che arrivò da queste importanti civiltà, che sono riuscite ad andare oltre i loro confini geografici e condizionare usi, costumi e persino democrazie».

Molti gli argomenti affrontati, suddivisi in macrosezioni tematiche riguardanti storia, lingua e società, produzioni, forme artistiche e architettura, modalità di interazione socio-economica e culturale fra realtà differenti, ellenismo etrusco-italico, culti e miti attraverso il linguaggio delle immagini.

Popoli e civiltà che dall’Italia e dal Mediterraneo trasmisero modelli importantissimi, come ha evidenziato la metodologia aggiornata e multidisciplinare scelta per il Convegno tarantino,coniugando discipline diverse come l’archeologia, l’antropologia culturale e sociale e l’archeometria e superando i tradizionali steccati fra ambiti diversi delle discipline antichistiche come archeologia classica ed etruscologia, storiografia, linguistica, epigrafia o la tipografia antica.

Particolare attenzione è stata dedicata al problema della trasmissione dei modelli e degli stimoli culturali – nella cultura materiale come in architettura e nell’ambito del rituale funerario – fra le realtà culturali dell’Italia e del resto del Mediterraneo, nei quali l’immagine di Taranto come unico faro di irradiazione del linguaggio figurativo ellenistico (c.d. “ellenismo etrusco-italico”) verso l’Italia centrale e verso Roma deve essere notevolmente ridimensionata, senza per questo sottovalutare l’importanza di Taranto quale centro di rielaborazione e diffusione di stimoli e motivi.

«I relatori, la platea composta da giovani studiosi, da docenti, da appassionati, da neofiti, dagli studenti dell’Istituto Pitagora in attività dì alternanza scuola-lavoro con il MArTA lancia però anche un altro segnale alla città – dice la direttrice Eva Degl’Innocenti – Taranto è pronta per un turismo culturale e convegnistico di rilievo, contando anche su spazi di pregio come il Teatro Fusco».

Dati importanti riferiti alla fruizione in presenza, ma come ormai ci ha abituato il MArTA è sul digitale che il Convegno ha registrato numeri da record. Nella tre giorni di lavori, infatti, sulle pagine Facebook e Youtube del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, è stato possibile seguire tutto in diretta, con un flusso di visitatori che ha raggiunto quota 20mila.

«La community è attenta, segue con interesse,ed è sempre pronta ad una fruizione in remoto sapendo che può contare su linguaggi, contenuti e modalità tecnologiche all’avanguardia» – afferma Eva Degl’Innocenti.

Intanto al MArTA prosegue fino a gennaio la Mostra “Taras e Vatl. Protagonisti del Mediterraneo a confronto”.

Per accedere alla mostra che riproduce in scala 1:1 la tomba del tumulo di Poggio Pelliccia, si può acquistare il biglietto su www.shopmuseomarta.it .Il costo del ticket d’ingresso comprende anche la visita a tutti i piani espositivi e alla mostra fotografica di Kevin Cummins sulla scena musicale dì Manchester.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi