fbpx

Domus settembre e l’inserto ecosistema Taranto

Il Ministro della Cultura Dario Franceschini, il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna, il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, l’Assessore ai Beni Culturali e al Turismo della Regione Puglia Massimo Bray, l’Assessore all’Urbanistica e all’Innovazione Ubaldo Occhinegro sono tra i contributors d’autore dello speciale inserto “Ecosistema Taranto” realizzato da Domus e contenuto nel nuovo numero di settembre.

Con questa iniziativa, curata dal direttore editoriale Walter Mariotti, prosegue il progetto promosso da Regione Puglia e Comune di Taranto con cui Domus racconta “una città che rinasce grazie alle scelte di chi si oppone a un destino scritto dagli altri”, spiega lo stesso Walter Mariotti nel suo editoriale. Il racconto di una città che rinasce e che investe nel suo futuro valorizzando la cultura, la natura e l’architettura, “quale matrice aperta e flessibile, infrastruttura logica ed emotiva prima ancora che spaziale e costruttiva”.

Perché Taranto è oggi esempio nazionale, ma anche europeo, di crescita equilibrata e armonica? È possibile trasformare una città basata sulla monocultura siderurgica in un grande polo mediterraneo, digitale e sostenibile? Come rinascere mettendo al centro i cittadini e il loro diritto a tracciare la traiettoria della comunità senza cancellare la loro identità? A dare una risposta a questi e molti altri quesiti sono le 36 pagine di Domus settembre che, anche grazie alle firme d’eccezione, restituiscono un quadro del piano Ecosistema Taranto quanto mai aggiornato, esaustivo e completo.

Un progetto che viene narrato anche alla 17ª edizione della Biennale di Architettura di Venezia. Con la curatela di Domus, Taranto interpreta infatti il tema scelto dal Padiglione Italia, “Comunità resilienti” e su invito del curatore Alessandro Melis, la città racconta la sua transizione da un modello produttivo e sociale di matrice ottocentesca a una prospettiva di sostenibilità che coinvolge l’intera comunità. Lo fa attraverso un documentario realizzato dal visual artist Antonio Ottomanelli, con le voci narranti del Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e dell’Assessore all’Urbanistica e all’Innovazione Ubaldo Occhinegro e continuerà a farlo a partire dal 21 settembre con una mostra temporanea dedicata alla trasformazione e alla rigenerazione urbana e con un talk a carattere politico istituzionale che traccerà la visione epocale della nuova Taranto del futuro.

“Domus è felice di partecipare alla narrazione del percorso voluto dall’amministrazione di Taranto. E onorata di parteciparvi con gli strumenti della propria transizione, la critica e il rigore dell’analisi, che restano per noi l’unica possibilità di indagare, attraverso le lenti dell’architettura del design e dell’arte, la vita delle comunità” spiega il direttore Walter Mariotti.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi