fbpx

Sorpreso alla guida di un autobus con la carta del conducente di un collega assente

Nell’ambito del contrasto all’illegalità nel settore dell’autotrasporto di merci e persone, la Sezione Polizia Stradale di Taranto, nell’attività di controllo ai conducenti professionali, ha intercettato un autobus adibito a servizio di linea dalla Sicilia verso le regioni del Nord Italia, il cui autista era in possesso, oltre alla sua “carta conducente” anche di quella di un suo collega non presente sul mezzo. Sui mezzi a lunga percorrenza è sempre  installato un tachigrafo digitale, indispensabile a rilevare tutti i dati inerenti l’attività svolta dal conducente.

La norma prevede l’impiego di  carte tachigrafiche personalizzate, dotate di una propria memoria interna, attraverso la quale viene registrata e conservata per 28 giorni in formato digitale  tutta l’attività di guida: pause,  riposi e chilometraggio effettuato di ogni conducente.

Durante il controllo effettuato, gli agenti della Polstrada hanno accertato che quell’autista circolava inserendo nel tachigrafo digitale una carta tachigrafica appartenente ad un altro collega di lavoro, rendendo così impossibile il controllo sull’attività di guida e di riposo effettuata in precedenza. L’illecita strategia ha imposto l’immediato ritiro della patente di guida e la sanzione di 866 euro, la decurtazione di 10 punti patente ed il sequestro dell’altra carta conducente.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi