fbpx

Ex Ilva, Di Gregorio: “Bene decreto Cingolani ma occorre lo stop delle fonti inquinanti”

“Finalmente il ministro della Transizione ecologica compie una scelta in favore dell’ambiente e della salute”. Lo dichiara il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd) commentando il decreto firmato oggi dal ministro Roberto Cingolani che impone prescrizioni di carattere ambientale a Acciaierie d’Italia.

“Il provvedimento è composto da 5 articoli – spiega Di Gregorio – e prevede il completamento di alcuni importanti interventi di ambientalizzazione. Non ci saranno proroghe e ulteriori dilazioni che negli anni scorsi hanno consentito la marcia di impianti altamente inquinanti. Questo decreto è maturato con il fondamentale contributo dell’Amministrazione Melucci di Taranto che ha partecipato alla Conferenza dei servizi dello scorso 16 giugno”.

“Il ministero detta tempi perentori – aggiunge l’esponente Pd – e respinge la proroga chiesta da Ilva in amministrazione straordinaria per gli interventi sulla batteria 12 della cokeria (fine gennaio 2022). La società dovrà rispettare il termine del 30 giugno 2021 e tutto lascia supporre che si andrà allo spegnimento della batteria 12. Le altre prescrizioni riguardano la gestione delle acque meteoriche (31 gennaio 2022), le emissioni di selenio scarico (30 aprile 2022) con l’impegno, però, di rientrare nel valore limite di emissione a partire dall’1 febbraio 2022”.

Secondo Di Gregorio “così com’è lo stabilimento siderurgico di Taranto non garantisce una marcia degli impianti in linea con le legittime esigenze di tutela della salute di lavoratori e cittadini. Ben vengano le prescrizioni del ministro Cingolani, ma è ovvio che questi interventi non sono risolutivi. Come auspicato dal sindaco di Taranto e come ho ribadito più volte in questi anni, bisogna prevedere la chiusura delle fonti inquinanti, in particolare dell’area a caldo, e sottoscrivere un accordo di programma per la riconversione economica e la bonifica del territorio ionico. Su questo non arretreremo”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi