fbpx

I sindacati: “La Regione Puglia avvii subito un confronto con OO.SS. su futuro di AQP”

Nota delle SEGRETERIE GENERALI REGIONALI  FILCTEM-CGIL FEMCA-CISL UILTEC-UIL CISAL FederEnergia UGL Chimici.

“Già dal mese di marzo u.s. all’indomani di un incontro con i vertici aziendali di AQP, le scriventi segreterie regionali categoriali insieme alle segreterie confederali hanno richiesto alla Regione Puglia la convocazione di un tavolo di confronto per affrontare temi fondamentali per le prospettive di questa azienda strategica per lo sviluppo della nostra Regione, quali:

a) SCADENZA DELLA CONCESSIONE Il tempo stringe. La data del 2023 per la scadenza della concessione (già in proroga) del servizio idrico integrato di AQP è prossima, perché 18 mesi prima l’Autorità Idrica Pugliese (AIP) deve decidere le modalità di affidamento per il futuro. Alla Regione Puglia, quale socio unico di AQP, e all’AIP chiediamo quindi di aprire urgentemente un tavolo di confronto. Le scelte da fare sono vitali per il futuro di AQP e per noi devono salvaguardare i punti di forza di questa realtà. Ci riferiamo alla conferma della proprietà pubblica dell’azienda con il vincolo della destinazione degli utili agli investimenti; al mantenimento del servizio idrico integrato in ambito regionale; alla conferma dell’assetto aziendale della società che deve vedere semmai semplificati e snelliti i processi decisionali e una governance complessiva che assicuri una giusta distinzione di ruoli tra poteri di indirizzo e controllo dell’azionista pubblico e responsabilità e autonomia gestionale dei vertici aziendali;

b) PROSPETTIVE AQP E NUOVO PIANO INDUSTRIALE I risultati recentemente conseguiti da AQP in termini di aumento di fatturato, utili ed investimenti, grazie a impegno e professionalità di lavoratrici e lavoratori, confermano quanto sia sempre più fondamentale questa azienda per le politiche di sviluppo della Puglia. Siamo del resto convinti che il potenziale di AQP sia anche maggiore di quanto espresso finora. Nel momento in cui con il PNRR e gli altri Fondi Europei si prospettano importanti opportunità di investimento nel Mezzogiorno, nel servizio idrico e nell’economia circolare, questa azienda in Puglia, ma non solo, può ambire a fare un salto di qualità. Per fare questo bisogna attrezzare l’azienda con un nuovo piano industriale (l’attuale è in scadenza) all’altezza di questa ambizione, in termini di piano di investimenti e rafforzamento degli organici. Già da ora bisogna intervenire per colmare le carenze d’organico che stanno creando enorme criticità nell’attuazione dei programmi di investimento così come sulla regolarità delle erogazioni dei servizi;

c) DGR 100/2018 Rispetto agli attuali obiettivi che AQP deve conseguire, quali:

a) efficacia e qualità del servizio idrico integrato

b) obbligo del rispetto dei vincoli ARERA

c) realizzazione dei piani di investimento  e ad un miglioramento degli stessi, la normativa “DGR 100”, con la quale la Regione Puglia pone vincoli irragionevoli ad AQP nella gestione del personale, risulta obsoleta ed in contrasto per il miglioramento delle performance ed efficienza aziendale anche in un’ottica di quadro nazionale. Fermo restando il rispetto dei principi di buona, sana ed efficiente gestione e il potere di controllo dell’azionista, la gestione del personale in AQP deve garantire la piena osservanza dei contratti nazionali di lavoro, di matrice privatistica, insieme alle prerogative proprie della contrattazione di secondo livello. Bisogna assicurare i giusti margini di fluidità ed i corretti tempi nella gestione del personale così come delle politiche occupazionali. Occorre in questo ambito un deciso cambiamento;

d) PIANO OCCUPAZIONALE In maniera generalizzata in tutte le strutture aziendali, dalla gestione degli impianti (depurazione e potabilizzazione) all’erogazione dei servizi, all’avvio dei cantieri, è evidente la carenza d’organico con conseguenti difficoltà che si ripercuotono sulle condizioni di lavoro e sullo svolgimento delle stesse attività di AQP. Il rispetto degli standard della qualità del servizio ed i vincoli ARERA, il piano investimenti e l’avvio dei cantieri, ect., impongono la necessità di un significativo incremento e rafforzamento degli attuali organici.

Chiediamo quindi ad AQP e Regione Puglia di predisporre a valle di un confronto sui fabbisogni e programmi aziendali, un significativo piano di assunzioni adeguato agli obiettivi e alle prospettive dell’azienda. Con nettezza vogliamo inoltre ribadire che va superata ogni logica di “vecchia pubblica amministrazione”, per cui è d’obbligo evitare la riduzione di personale e blocco delle assunzioni, al fine di non far ricorso ad affidamenti esterni per le attività proprie dell’azienda;

e) APPALTI Altro tema che da tempo poniamo all’attenzione dell’azienda e della Regione è la necessità di regolamentare il sistema degli appalti continuativi attivati da AQP e che coinvolgono circa 600 lavoratori. Insieme alla conferma e all’effettivo rispetto di clausole di salvaguardia occupazionale, le garanzie sulla sicurezza, l’affidamento dei lavori, evitando la logica del massimo ribasso, la coerenza dei CCNL applicati rispetto alla tipologia delle attività svolte, sono gli elementi principali su cui avviare un confronto fra le parti.

Non da ultimo lì dove, come nel caso delle vertenze in corso dei letturisti e portierato, ci sono condizioni e opportunità per un processo di internalizzazione del servizio, chiediamo urgentemente l’attivazione di un apposito tavolo di confronto.  Nei prossimi giorni, a sostegno delle nostre richieste, insieme all’avvio di un programma di informazione e coinvolgimento di lavoratrici e lavoratori di AQP valuteremo il ricorso a iniziative di mobilitazione perchè ulteriori ritardi nell’avvio del confronto non sono più accettabili.”

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi