fbpx

Audizione su ricollocazione ex LSU del protocollo e archiviazione della Provincia di Taranto

In Commissione lavoro, presieduta da Donato Metallo, la problematica relativa alla ricollocazione degli ex lavoratori LSU del protocollo informatico e archiviazione dei dati della Provincia di Taranto.
Su richiesta del consigliere regionale del M5S Marco Galante, si è svolta l’audizione del presidente della task force regionale per l’occupazione, Leo Caroli. Assente ai lavori, invece, il direttore generale di ARPAL Puglia Massimo Cassano.

Il consigliere Galante nella seduta odierna avrebbe voluto ottenere delle risposte precise sul futuro di circa 28 lavoratori, la cui vicenda ha avuto inizio nel 1998, quando questi lavoratori sono stati inseriti nell’organigramma dell’allora Centro Territoriale per l’Impiego di Taranto come LSU, in seguito ad una selezione bandita dal Ministero del Lavoro. Successivamente si sono susseguiti numerosi passaggi, fino al 2013, da quando hanno iniziato a usufruire di ammortizzatori sociali, per alcuni però già terminati. Nel marzo 2017 la CISL ha chiesto alla task force regionale di attivare un tavolo tecnico di lavoro per valutare le possibilità̀ di ricollocare i lavoratori.

Purtroppo ad oggi il tavolo tecnico non è stato convocato e allo stato attuale è ancora tutto fermo. Il presidente Leo Caroli nel rilevare che la task force non ha alcuna competenza in riferimento alla convocazione di un tavolo tecnico, ha evidenziato però che si tratta di lavoratori, che negli anni hanno acquisito specifiche competenze e professionalità̀ e che, quindi, potrà essere valutata la possibilità di offrire un’opportunità verso altre attitudini.

Questo dovrà essere oggetto di interlocuzione tra la Sezione regionale al lavoro e l’ANPAL, al fine di attivare progetti mirati e specifici di politiche attive di riaccompagnamento verso nuove attività e di riqualificazione delle professionalità. Altro passaggio chiave suggerito da Leo Caroli ha riguardato l’opportunità di accertare, presso la Sezione lavoro, se ci sono i presupposti per verificare i requisiti favorevoli alla concessione della mobilità in deroga.
Nel solco di una proficua collaborazione, Caroli ha proposto alla Commissione di valutare l’ipotesi di realizzare un’istruttoria tra la stessa Commissione e la task force, in fase di apertura dei tavoli su vertenze lavorative.

Galante (M5S): “ Avvierò interlocuzione con la Sezione Lavoro per un progetto per la loro ricollocazione”
“Quella proposta oggi dal presidente della Task Force regionale Leo Caroli, che ringrazio per la disponibilità, è l’ultima strada percorribile per garantire un futuro ai circa 28 lavoratori LSU del protocollo informatico e archiviazione dei dati della Provincia di Taranto, che stanno vivendo da 10 anni un vero e proprio incubo. Parliamo di lavoratori che negli anni hanno acquisito specifiche competenze e professionalità, lavorando per 20 anni a servizio della pubblica amministrazione e trattando anche dati sensibili, per poi sentirsi scaricati. Oggi stesso avvierò una interlocuzione con l’assessore al Lavoro Leo e la direttrice di Dipartimento Silvia Pellegrini per dare seguito a quanto suggerito dal presidente Caroli: un progetto mirato di ricollocazione definito dalla Sezione Lavoro, da affidare alla sezione regionale dell’ANPAL. Analogamente chiederò se ci siano presupposti e requisiti per mobilità in deroga”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante a margine dell’audizione da lui richiesta sulla ricollocazione dei lavoratori LSU del protocollo informatico e archiviazione dei dati della Provincia di Taranto.

La vicenda dei lavoratori del Protocollo e Archiviazione della Provincia di Taranto è iniziata nel 1998, in qualità di lavoratori socialmente utili, successivamente ad una selezione bandita dal Ministero del Lavoro presso il CTI (centro Territoriale per l’Impiego) di Taranto, e ha visto negli anni alterne vicende. Nel 2001, quando gli LSU da ministeriali divennero provinciali, la Provincia di Taranto avviò due piani d’impresa, uno sul protocollo informatico (con 18 ex LSU della platea storica della Provincia) e un altro sulla informatizzazione degli archivi (con 10 ex LSU). Nel 2006, e in prossimità della scadenza dei due piani, la Provincia indisse una unica gara d’appalto unificando i piani precedenti che, tuttavia, per motivazioni differenti, fu aggiudicata solo nel 2009. Nel gennaio 2012 la Provincia di Taranto si era impegnata, alla scadenza del contratto, prevista per maggio 2013, ad internalizzare il Servizio, senza però fornire una risposta ai lavoratori sul loro stato di occupazione, e gli stessi hanno avuto accesso agli ammortizzatori sociali con scadenza a luglio 2017. Da allora i lavoratori sono andati avanti con continue proroghe degli ammortizzatori sociali, che ora sono in scadenza.

“Parliamo di lavoratori che si sono fidati delle promesse della politica – continua Galante – da cui sono stati traditi e chiedono solo di poter lavorare, dato che si trovano in questa situazione senza avere alcuna colpa. Continuerò a seguire la vertenza con la VI Commissione e gli uffici competenti: queste persone meritano risposte certe da quella politica da cui fino a oggi si sono sentiti presi in giro”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi