fbpx

“Taranto e il mare”. Parte domani la rassegna FISH.&C.H.I.P.S.

Tutta la storia di Taranto è legata al mare. Dal mare arrivano, nel corso della storia del territorio, cultura, popoli, progresso, invenzioni, biodiversità, pratiche sociali e religiose, sviluppo e il talento di trarre dal mare i propri mezzi di sostentamento.

La conferenza introduttiva della rassegna FISH. & C.H.I.P.S. che si terrà on-line domani mercoledì 9 giugno alle ore 18:00 racconta questo percorso.

Relatori dell’appuntamento, in diretta live sulle pagine Facebook e Youtube del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, saranno il prof. Danilo Leone, la prof.ssa Maria Turchiano e il prof. Giuliano De Felice, docenti dell’Università degli Studi di Foggia, introdotti dagli interventi della direttrice del MArTA, Eva Degl’Innocenti, dell’assessore allo sviluppo economico e turismo del Comune di Taranto di Fabrizio Manzulli e del direttore del dipartimento di studi umanistici dell’Università degli Studi di Foggia prof. Sebastiano Valerio.

Una storia legata in realtà ai due mari, il Mar Piccolo e il Mar Grande, e alle loro risorse che da sempre, fino a tempi recenti, hanno costituito la base dell’economia e uno degli elementi identitari della città di Taranto.
Non è un caso che Aristotele, in un passo della Politica, parli proprio di Taras, insieme a Bisanzio, come esempio di una polis il cui demos era prevalentemente costituito da pescatori. La strategica posizione e la favorevole conformazione geografica di Taranto furono sin dalla Preistoria alla base della fiorente economia del pescato.

I porti di età greca e romana, che videro sbarcare le flotte di Silla, Cesare e Ottaviano, hanno lasciato poche tracce, ma sono noti attraverso le descrizioni di Strabone, Plutarco, Procopio di Cesarea e altri autori.
Questo storico e imprescindibile rapporto con il mare si era rarefatto negli ultimi decenni, quasi trasformando quella che è sempre stata città di mare, in una città sul mare.

Per contribuire a ristabilire questo legame, partendo proprio dal ‘racconto del mare’ e dal ‘raccolto del mare’, ovvero dalle storie che il mare ha conservato e dalle attività produttive incentrate sul mare, analizzate con un approccio globale e multi-interdisciplinare, è stato elaborato il progetto FISH.&C.H.I.P.S. (Fisheries and Cultural Heritage, Identity and Participated Societies), concepito nell’ambito del Co-operation Programme Interreg V-A Greece-Italy (EL-IT) 2014-2020, che vede protagoniste le comunità di pescatori pugliesi (Taranto) e greche (Corfù).

Alla base dell’idea progettuale vi è la convinzione che la valorizzazione dei territori, attraverso la creazione degli Ecomusei e la partecipazione attiva delle comunità locali, debba necessariamente fondarsi su un adeguato processo di analisi storica e ambientale per evitare, da un lato, il rischio di falsare l’identità culturale dei luoghi, e favorire, dall’altro, la riscoperta delle più significative vicende storiche e culturali delle comunità locali nel corso dei secoli.

L’ appuntamento è in diretta live sui canali Facebook e YouTube del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, agli indirizzi: https://www.facebook.com/MuseoMARTA e
https://www.youtube.com/channel/UCiMfIYMTRHQKbrYWx3NlPQ

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi