fbpx

Pregiudicato dedito ai furti arrestato dai “Falchi” della Squadra Mobile

Un pregiudicato tarantino di 29 anni da qualche giorno era evaso da una comunità di recupero della provincia Jonica dove era in regime degli arresti domiciliari ed aveva ripreso, con la complicità di suoi “affiliati”, a compiere furti in diversi negozi del capoluogo soprattutto nelle ore notturne e con il metodo della spaccata.

Episodi che avevano creato forte preoccupazione nei commercianti soprattutto in un periodo di grave crisi economica dovuta alle chiusure nel rispetto della normativa anti-Covid vigente.  Sulle loro tracce i Falchi della Squadra Mobile che, dopo la denuncia dei negozianti, avevano iniziato una vera e propria “caccia all’uomo” per assicurare alla giustizia i responsabili. Le capillari indagini avevano indirizzato i poliziotti verso la casa di un parente del 29enne, luogo nel quale presumibilmente aveva trovato nascondiglio.

I lunghi appostamenti durati tutto l’arco delle 24 ore hanno permesso di individuare un giovane affacciato più volte al balcone dell’appartamento messo sotto osservazione, che indossava gli inconfondibili indumenti già immortalati qualche giorno prima dalle immagini di video sorveglianza di uno dei negozi saccheggiati. Dopo lunghi momenti di osservazione, i Falchi hanno avuto l’assoluta certezza di aver rintracciato l’evaso e, dopo aver circondato l’isolato per scongiurare eventuali tentativi di fuga, hanno bussato alla porta di quella  casa. Il 29enne, vistosi ormai braccato, non ha potuto far altro che aprire la porta e consegnarsi ai poliziotti.

La  perquisizione ha permesso di recuperare alcuni indumenti usati dall’arrestato durante i furti compiuti il 5 ed il 10 maggio scorso e immortalati nelle immagini dei circuiti di videosorveglianza. Dopo l’arresto del ricercato, ritenuto responsabile di evasione e furto aggravato in concorso, i poliziotti hanno controllato un suo complice, un pregiudicato tarantino di 24 anni,  anch’egli ripreso dalle telecamere durante i furti, attualmente agli arresti domiciliari presso la sua abitazione. Nel corso della perquisizione domiciliare, i Falchi hanno rinvenuto una dose di cocaina e gli indumenti utilizzati in almeno due furti. Il 24enne è stato denunciato in stato di libertà per violazione della misura degli arresti domiciliari e furto aggravato in concorso.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi