fbpx

In riferimento al comunicato diffuso dall’amministrazione comunale di Taranto, circa lo sversamento di “acque torbide” in Mar Grande, Acquedotto Pugliese precisa che a causare il fenomeno, durato solo pochi minuti, è stata l’avaria di una sonda dell’impianto di sollevamento di fogna in via Crispi. I sistemi di allarme e il rapido intervento dei tecnici di AQP hanno consentito, tuttavia, l’immediata ripartenza dell’impianto di sollevamento grazie all’attivazione della sonda di scorta.

AQP precisa, inoltre, che tutte le autorità – in particolare la Capitaneria di Porto – sono state preallertate della possibile esigenza di attivare lo scarico di emergenza di cui è dotato l’impianto per eseguire il delicato intervento manutentivo.

Si coglie l’occasione per rammentare che tutti gli impianti di sollevamento lungo il litorale tarantino sono dotati di scarico verso il mare, regolarmente autorizzati sia per l’esigenza di sversare acque meteoriche (la rete, infatti, è mista) sia per interventi manutentivi da svolgere in emergenza. Tutti gli scarichi sono, comunque, dotati di grigliatura per limitare le emissioni in mare.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi