fbpx

Palazzo Archita, amministrazione Melucci, Soprintendenza e progettisti a confronto

Prosegue il lavoro di progettazione del restauro e della rifunzionalizzazione del più prestigioso edificio del Borgo.

Nei giorni scorsi, i tecnici incaricati, l’architetto Stefano Boninsegna (Genius loci Architettura) e l’ingegner Gianluca Vigne (Areatecnica), hanno illustrato al sindaco Rinaldo Melucci, all’assessore all’Urbanistica Ubaldo Occhinegro e alla soprintendente Barbara Davidde, gli indirizzi progettuali per arrivare alla redazione, in tempi rapidi, e in prima battuta, del progetto definitivo ed esecutivo delle facciate e degli infissi che porterà alla gara per i lavori di restauro degli esterni di palazzo Archita.

Successivamente si procederà alla totale rifunzionalizzazione degli spazi interni che prevedrà un mix di funzioni pubbliche e private in grado di rendere l’edificio un polo di attrazione straordinario per l’intera città.

«In pochi anni abbiamo reperito 14 milioni di euro comunali – ha spiegato il primo cittadino –, più 20 milioni di fondi Cipe, abbiamo messo in sicurezza le coperture e assicurato la staticità dell’edificio. Ora siamo finalmente pronti anche a partire con il recupero integrale di palazzo Archita».

«Stiamo progettando spazi per ospitare la nuova Pinacoteca comunale – ha aggiunto Occhinegro –, la biblioteca, l’università e lo storico liceo Archita, una moderna galleria commerciale al piano terra e la rifunzionalizzazione dell’ex Corte d’Appello come contenitore culturale».

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi