fbpx

Indotto, l’Ad Morselli (Ami) incontra Confindustria Taranto

Rilanciare lo stabilimento, ritessere i rapporti fra l’azienda dell’acciaio e Confindustria Taranto, avviare una interlocuzione “partecipata” sui temi della politica industriale intesa come una serie di azioni condivise delle cui ricadute possano beneficiare le imprese e il territorio nella sua interezza.

Su questi temi si è incentrato l’incontro fra l’AD di Arcelor Mittal Italia Lucia Morselli, il responsabile per le risorse umane Arturo Ferrucci, il Presidente della Camera di Commercio Luigi Sportelli, e il Presidente di Confindustria Taranto Antonio Marinaro, accompagnato da Antonio Lenoci, presidente della sezione metalmeccanica di Confindustria, e dal delegato per le questioni inerenti l’indotto Vladimiro Pulpo.
Il confronto, tenuto ieri in Camera di Commercio, si è svolto all’indomani dell’incontro a Roma in Confindustria fra l’Amministratore delegato di Ami, Invitalia e i sindacati, deputato ad un primo approfondimento tecnico-organizzativo del progetto di rilancio del centro siderurgico.

Fra i temi affrontati ieri, la necessità di stabilire un rapporto più diretto fra la fabbrica dell’acciaio e le imprese fornitrici; le progettualità da sviluppare nella logica della simbiosi industriale e gli altri progetti, già messi a punto da Confindustria Taranto e da riprendere in virtù della nuova stagione che si apre fra Arcelor Mittal e il territorio jonico alla luce dei nuovi assetti societari e dei nuovi investimenti che riguarderanno gli stabilimenti del Gruppo.
Disponibilità è stata manifestata da parte della dott.ssa Morselli a riprendere i punti contenuti nel cosiddetto Addendum siglato a luglio 2018 con particolare riferimento al corretto adempimento degli obblighi contrattuali nei confronti dei fornitori locali e al pieno e tempestivo pagamento dei crediti, nonché al coinvolgimento delle stesse aziende nello sviluppo di sinergie relative a iniziative di economia circolare, tenendo conto delle relative competenze e capacità in conformità alle condizioni di mercato.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi