fbpx

Teatri Uniti, Marti scrive al neo assessore regionale alla Cultura Massimo Bray

“Caro Assessore Bray, carissimo Massimo, oggi per la Puglia è una buona giornata. E in un momento storico in cui abbiamo resistito e combattuto il più assurdo male sociale, semplicemente continuando a operare ciascuno nel proprio confine di responsabilità e passione, giunge la notizia che un uomo giusto arriva al posto giusto. Benvenuto Assessore, allora, e benvenuto amico della cultura e amico appassionato della mia Taranto.

Abbiamo aspettato con ansia la nomina del nuovo Assessore regionale alla Cultura auspicando sempre nella scelta di un addetto ai lavori con la visione di un astronauta, capace di guardare allo spazio dopo aver conosciuto e amato la terra che ha calpestato. ln questi anni con il lavoro e la passione dell’assessore Loredana Capone la nostra Regione ha scritto una bellissima pagina della nostra storia e noi saremo grati per il ruolo che Taranto ha avuto nell’idea e nel progetto politico e amministrativo firmato da una donna che ha vissuto la politica come missione.

Oggi, io ti scrivo da e per Taranto. Ma la Pandemia che ha inevitabilmente colpito al cuore la nostra democrazia sociale mi obbliga ad avere una visione complessiva del progetto di rilancio culturale della nostra Regione. Ed è per questo che ti scrivo subito, senza darti neanche il tempo di prendere possesso del tuo assessorato. ln questi mesi difficili abbiamo imparato ad essere una comunità sovra territoriale; ci siamo ritrovati, spaesati, a fronteggiare questioni mai immaginate. Siamo cresciuti, siamo diventati più forti e abbiamo dimostrato di saper dare delle risposte nel bene delle nostre comunità amministrate e con l’obiettivo di far respirare ai nostri concittadini momenti di appagante bellezza attraverso le arti.

Ora finalmente la nostra Regione ha un interlocutore privilegiato e noi amministratori siamo felici. Sulla scia dell’esperienza maturata e nel segno della continuità di un viaggio di comunità solidale anche dal punto di vista culturale e artistico, caro Assessore, ti do il benvenuto offrendoti un’idea, quello a noi uomini fatti di passione competenza e arte riesce meglio, e ti prego di valutare la possibilità di dare forma alla prima vera Rete dei Teatri comunali Uniti. Un progetto che mi piace far partire da Taranto fino a Bari, entrambe in finale per la candidatura a Capitale della Cultura 2020, e farlo diramare nel resto della Puglia, come strumento dinamico e pratico per potenziare il valore dei singoli teatri comunali della nostra Regione.

Insieme i teatri potrebbero iniziare a programmare facendo rete e rendendo più forte il loro ruolo come player attrattivi e soprattutto per attivare progetti con respiro nazionale e internazionale; avviare iniziative didattiche condivise coinvolgendo le più grandi Scuole di Teatro italiane e promuovendo in rete e con il resto del panorama nazionale attraverso scambi e intense relazioni culturali i nostri talenti. Ecco, sì, ripartiamo dai talenti. Buon lavoro.”

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi