fbpx

La giunta approva il bilancio sociale di genere della regione puglia

La Giunta regionale ha approvato il documento di bilancio sociale e di genere della Regione Puglia. Uno strumento di rendicontazione a disposizione dei cittadini, costruito attraverso un processo di partecipazione avviato nel 2019 in base alla legge regionale sulla partecipazione approvata nel 2017.

 “Siamo una delle poche regioni in Italia ad avere adottato uno strumento di partecipazione finalizzato a rendere conto del proprio mandato e a valutare sulla base di un approccio scientifico l’impatto delle politiche, in una ottica di genere. – commenta il Presidente Michele Emiliano – Rendere conto del proprio operato è un obbligo che ciascuna Amministrazione pubblica è tenuta a rispettare. Grazie alla legge sulla partecipazione abbiamo compiuto un ulteriore passo rispetto alla stessa normativa nazionale, mettendo i cittadini nelle condizioni di comprendere quali obiettivi siano stati raggiunti e cosa sia stato portato a termine.”

Attraverso il Bilancio Sociale e di genere la Pubblica Amministrazione comunica in maniera trasparente e comprensibile i propri valori, i progetti, i programmi, gli interventi, gli investimenti, le azioni attuate nel corso di un determinato periodo e soprattutto gli effetti da questi generati”.

Ponendosi dunque in termini di integrazione rispetto agli altri documenti di programmazione e rendicontazione economico-finanziari, il Bilancio Sociale consente di rappresentare quanto ogni Amministrazione riesca, quantitativamente e qualitativamente, a soddisfare i bisogni pubblici delle proprie comunità di riferimento, permettendo, a chiunque ne abbia interesse, di verificare il grado di coerenza fra il programma politico e l’effettivo operato dell’Ente ed anche di misurare il valore aggiunto prodotto dallo stesso in favore dell’intera comunità.

La Regione Puglia crede molto nel Bilancio Sociale al punto di aver trasformato un dovere etico verso la collettività, in un vero e proprio obbligo giuridico. A partire dalla Legge n. 15 del 2014 ed il successivo regolamento n. 1 del 2019, la Regione ha infatti scelto di istituirlo “come strumento di conoscenza e di comunicazione” offrendo a tutti una visione incentrata sugli esiti – e talvolta anche sui futuri risvolti – delle azioni regionali prese in considerazione, così compiendo un vero e proprio passo avanti verso la trasparenza e l’informazione.

“Con la redazione di questo Bilancio – aggiunge Titti De Simone, consigliera del Presidente che ha curato la legge sulla partecipazione – il Governo regionale vuole accendere un faro anche su tutto quanto prodotto dalle politiche di genere. Attraverso una rilettura trasversale di alcuni interventi, il contenuto di questo Bilancio si amplia sino a comprendere uno specifico focus su alcune azioni regionali sul tema, al principale scopo di rilevarne il tipo di ricaduta dal punto di vista delle politiche di pari opportunità. E ciò acquisisce ancora più valore se pensiamo al tema del Recovery Plan ed al nuovo ciclo di programmazione dei fondi europei. Questa parte deve essere implementata in una ottica trasversale e integrata delle politiche”.

La Regione Puglia infatti, in ossequio a quanto contemplato nella L. R. n. 7/2007 “Norme per le politiche di genere e i servizi di conciliazione vita-lavoro in Puglia”, è fermamente convinta che porsi l’obiettivo di raggiungere livelli di perequazione economica e sociale, ridurre le disuguaglianze, assicurare le pari opportunità ed incentivare la parità di genere produca effetti positivi diffusi e circolari su ogni membro della comunità e, in virtù di questo, dedica una grande attenzione al contrasto di tutte le forme di discriminazione e disparità nell’accesso al mercato del lavoro, ai servizi ed alle possibilità di formazione e istruzione per garantire ad ogni cittadina e cittadino un’esistenza dignitosa e di qualità.

La strada intrapresa, anche mediante l’allestimento di banche dati e statistiche gender sensitive, è dunque quella della valorizzazione delle differenze, intese come valore costitutivo di identificazione, in grado di valutare le scelte politiche e gli impegni economico-finanziari di un’amministrazione, anche in una prospettiva di genere che sarà implementata.

Il Bilancio di Sociale e di Genere (BSG) è dunque un metodo, una chiave di lettura e di interpretazione differente e nuova del bilancio della Pubblica Amministrazione che, nel superare le difficoltà di comprensione tipica dei documenti tecnici “ufficiali”, fornisce una rappresentazione più che accessibile dei risultati prodotti e nello stesso tempo indica le eventuali nuove sfide su cui l’Ente è chiamato ad intervenire.

Pertanto, questo Bilancio Sociale e di Genere rappresenta una sfida vinta per svariate e molteplici ragioni; in primis perché consente di comunicare con trasparenza quello che è stato fatto; ma anche per lo spirito di coesione che ne è scaturito fra tutti coloro che hanno contribuito alla genesi del documento, e soprattutto per aver dato vita ad un momento di riflessione verso il miglioramento delle politiche e delle azioni future dell’Amministrazione regionale.

E’ un ulteriore traguardo raggiunto dalla Regione Puglia che, credendo nella forza della partecipazione, ha trasformato il Bilancio sociale e di Genere in uno strumento estremamente dinamico, diretto non solo alla comunicazione di dati, ma teso anche a suggellare con la collettività un patto di forte interazione e collaborazione finalizzato al costante perfezionamento dell’azione politica e amministrativa.

Si è innescato un meccanismo circolare virtuoso per cui, la raccolta e la comunicazione ex post dei dati raccolti, si trasformano in preziosi indici su cui orientare la programmazione successiva sempre più improntata alle esigenze dei singoli stakeholders, in una direzione di costante progresso, avanzamento e sviluppo dell’intera collettività.

Si è dunque partiti dal “Farsi conoscere” mediante la comunicazione in trasparenza del proprio operato, per arrivare a “Conoscere meglio la propria comunità ed il Territorio”, grazie al continuo confronto e al rapporto avviato con tutti gli attori/autori che, proponendo, monitorando e verificando ogni singolo step del processo di formazione del documento, hanno in maniera corale posto la loro firma alla redazione del “Bilancio Sociale e di Genere della Regione Puglia”.

NOTA METODOLOGICA

Indicatori B.E.S. e Sustainable Development Goals Onu 2030

Gli indicatori B.E.S. (Benessere Equo Sostenibile) disponibili sono stati individuati quali strumenti di valutazione integrativi in grado di fornire una rappresentazione sintetica ma esaustiva del contesto ambientale e sociale di riferimento; per il tramite degli indicatori prescelti è possibile sintetizzare i dodici ambiti presi in considerazione: salute, istruzione, lavoro, benessere economico, relazioni sociali, politica e istituzioni, sicurezza, benessere soggettivo, paesaggio, ambiente, ricerca & innovazione e qualità dei servizi per l’anno 2018.

Oltre al dati del B.E.S., sono stati utilizzati, per la medesima finalità, anche i nuovi ambiziosi obiettivi di sviluppo dell’Agenda ONU da conseguire entro il 2030.

In entrambi i casi, i valori dei singoli indicatori utilizzati per la costruzione degli indicatori compositi sono sempre riferibili alle più recenti annualità per le quali i dati sono disponibili (2018).

Per il “Focus: la parità di genere”, si è infatti optato per l’analisi del contesto mediante i Sustainable Development Goals individuati dall’ONU e nel dettaglio attraverso il Goal n. 5.

Per ciò che concerne strettamente il contesto organizzativo interno all’Ente Regione Puglia, si è proceduto alla descrizione del relativo scenario in base agli elementi rivenienti dalla Relazione delle Performance 2018.

I gruppi di lavoro, il tavolo di partenariato e le tematiche rilevanti

 Nel rispetto di quanto previsto nella Legge n. 15 del 2014 e nel successivo regolamento n. 1 del 2019 (Regolamento attuativo della legge istitutiva del BSG) nonché nella Legge n. 28 del 2017 (Legge sulla Partecipazione), il percorso per la redazione del Bilancio Sociale e di Genere è stato coordinato dal Segretario Generale della Presidenza di concerto con la Consigliera del Presidente per l’attuazione del programma di Governo, per quanto concerne l’attività di coordinamento dei Gruppi di lavoro composti da Dirigenti e Funzionari della Regione ed aventi ad oggetto le principali tematiche di interesse regionale.

La presentazione del progetto di redazione ha avuto luogo nel corso del focus partecipativo del 16 settembre 2019 “Verso il Bilancio Sociale e di Genere della Regione Puglia” tenutosi a Bari presso la Fiera del Levante.

Una volta avviato il confronto fra i Gruppi e i vari portatori di interesse, con provvedimento D.G.R n. 1798 del 7 ottobre 2019, ai sensi dell’art. 10 c.3, L. 28/17 è stato istituito presso la Presidenza della Regione Puglia il tavolo di Partenariato composto, oltre che dal Presidente della Giunta e dalla Consigliera regionale di parità (membri di diritto), anche dai componenti del Partenariato Economico Sociale del PO FESR 2014- 2020 qui di seguito elencati:

– ANCI

– UPI

– CLAAI PUGLIA

– CNA PUGLIA

– CONFAPI PUGLIA

– CONFARTIGIANATO PUGLIA

– CONFCOMMERCIO PUGLIA

– CONFCOOPERATIVE PUGLIA

– CONFESERCENTI PUGLIA

– CONFINDUSTRIA PUGLIA

– LEGA COOP. PUGLIA

– UNCI PUGLIA

– CGIL PUGLIA

– CISL PUGLIA

– UIL PUGLIA

– CISAL PUGLIA

– UGL PUGLIA

– CASAARTIGIANI PUGLIA

– UNIONCAMERE

– ABI

– Forum regionale del Terzo Settore

 Tutti gli attori del procedimento hanno individuato quali temi rilevanti del Bilancio Sociale le seguenti Macro-Aree Strategiche (M.A.S.):

  • Riassetto istituzionale e partecipazione,
  • Salute, Sport e Buona vita,
  • Ambiente, Energia e Rifiuti,
  • Sviluppo Economico, Innovazione e Infrastrutture,
  • Welfare, Lavoro, Formazione e Politiche Giovanili,
  • Turismo e Cultura,
  • Territorio, Bellezza e Paesaggio,
  • Agricoltura

Per gli interventi regionali in tema di pari opportunità sono invece stati individuati tre indirizzi principali:

  1. Puglia Family Friendly: interventi diretti alla promozione della conciliazione vita lavoro e al sostegno alle famiglie;
  2. Interventi diretti alla comunicazione di genere, alla lotta contro gli stereotipi di genere, al contrasto verso ogni forma di discriminazione;
  3. Interventi per la prevenzione ed il contrasto della violenza di genere.

L’intera stesura del documento è stata accompagnata da momenti di partecipazione e di confronto che hanno coinvolto il partenariato economico e sociale.

 Il Documento sarà disponibile nei prossimi giorni sul portale della Regione Puglia.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi