fbpx

Meeting del Presidente Nazionale LNI alla Lega Navale Italiana Sezione di Taranto

È la salvaguardia dell’ambiente, soprattutto, quello marino, la tematica principale al centro dell’incontro tenuto giovedì 10 settembre nella sezione di Taranto della “Lega Navale Italiana”. Alla riunione hanno partecipato i presidenti delle diverse sezioni della regione Puglia, il delegato regionale della Lega Navale Italiana, l’ingegner Andrea Retucci, ed il presidente nazionale della Lega Navale, l’ammiraglio Donato Marzano.

L’incontro è stato l’occasione per presentare le linee guida proposte dal neopresidente.
Tra i punti principali del nuovo piano programmatico c’è la necessità di riscoprire l’identità e le radici da cui è nato l’ente pubblico ben 123 anni fa. Marzano ha, inoltre, ricordato il ruolo della LNI (Lega Navale Italia) composta oggi da 250 sezioni dislocate in tutta Italia e che operano sul territorio nazionale con il preciso scopo di difendere il mare.

La cultura del mare, in tutte le sue sfaccettature (dallo sport alla sua tutela) dovrà essere diffuso soprattutto tra i giovani, i cittadini del domani. Si darà grande importanza alle collaborazioni con gli enti scolastici ed il territorio circostante. Obiettivo primario: fare rete. Nessuno sarà escluso nel piano programmatico proposto da Marzano. Le donne avranno un ruolo cruciale nello svolgimento delle funzioni nelle diverse sezioni, anche a livello dirigenziale (ad oggi l’unica presidente donna in Puglia è Rosangela Martongelli a Taranto). Non solo, ogni sede dovrà essere resa fruibile anche per i portatori di handicap perché il mare possa essere un diritto di tutti.
Insomma la LNI d’ora in avanti sarà una vera e propria realtà manageriale in cui ognuno potrà dare il proprio apporto professionale. Le sezioni pugliesi diventeranno, infine, un punto di riferimento per tutti i cittadini che amano il mare.

Incontri come quello di oggi saranno periodicamente riprogrammati per una maggiore condivisione delle linee guida e degli obiettivi del piano programmatico.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi