fbpx

AM, Rizzo: “Ennesimo incontro improduttivo per l’appalto quello convocato oggi dal Prefetto”

“Ennesimo buco nell’acqua l’odierno confronto, nonostante l’interesse e la disponibilità dimostrati dal Prefetto che ha convocato l’incontro con ArcelorMittal sul mancato pagamento degli arretrati maturati dalle aziende dell’appalto, al momento ammontanti a 40 milioni di euro.
Nessuna risposta concreta dalla multinazionale, che  riferisce l’incapacità di osservare i pagamenti e continua a chiedere la cassa integrazione per i dipendenti diretti, nonostante ci risulti liquidità pari a 9 miliardi di dollari.
Non possiamo non rilevare la  contraddizione che trapela dall’atteggiamento  di ArcelorMittal che da una parte dichiara di non poter pagare lavoratori diretti e aziende dell’appalto, dall’altra garantisce ricchi premi ai dirigenti.
Noi dell’Usb abbiamo chiesto inoltre chiarimenti sulla sospensione delle prescrizioni Aia; anche su questo nessun riscontro. Se si dovesse procedere con una deroga, sarebbe un’ulteriore dimostrazione della incoerenza della multinazionale che non rispetta quanto stabilito.
Non è più possibile rimandare la soluzione della grande vertenza ArcelorMittal che, non pagando le nostre realtà imprenditoriali e non fornendo alcuna indicazione in merito sul futuro, genera ripercussioni importanti sul tessuto economico locale.
Lo ripetiamo  fino allo sfinimento: il Governo deve immediatamente intervenire e allontanare il gruppo franco indiano dall’acciaieria tarantina.
In ultimo il commissario Lupo ha annunciato che a breve verranno chiamati i primi 40 lavoratori ex Ilva in AS che dovranno occuparsi delle operazioni di bonifica.
L’incontro si è tenuto in mattinata, in modalità telematica,  e vi hanno preso parte  i sindacati dei metalmeccanici, il commissario straordinario dell’Ilva Lupo, per ArcelorMittal Pascucci, direttore di stabilimento e Ferrucci direttore delle Risorse Umane, Camera di Commercio, Confindustria e Abi.”
Lo scrive in una nota Franco Rizzo, coordinatore provinciale Usb Taranto.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi