ISDE SU IMPIANTO COMPOSTAGGIO LEPORANO-PULSANO: “PORTEREBBE CANCRO E MALATTIE INFETTIVE”

La presidente Maria Grazia Serra: “L’idea non ci convince, l’interesse del privato non deve prevalere sulla salute di tutti”

“L’idea del nuovo impianto di compostaggio che dovrebbe sorgere tra Leporano e Pulsano non ci convince” a dirlo è la presidente tarantina di ISDE – Medici per l’Ambiente Maria Grazia Serra, invitata ad intervenire sul tema da due comitati delle cittadine ioniche affacciate sulla costa. L’incontro si è tenuto al Castello Muscettola di Leporano.

“Abbiamo discusso il tema con ISDE a livello nazionale attraverso il nostro recente position paper – spiega – In un territorio come questo, a vocazione turistica e agricola, non è opportuno costruire un impianto di questo tipo perché molti degli inquinanti emessi da quella che si definisce anaerobiosi non sono normati e sono misconosciuti, non si prendono in considerazione. Causano danni di molti tipi, non solo cancro e ipertensione, ma anche lo svilupparsi di un antibiotico-resistenza di grande portata e di conseguenza malattie infettive ed epidemie. Non è vero che abbiamo bisogno di impianti di così grande portata qui. Le alternative green esistono – osserva – non si attuano perché conviene agli imprenditori che attingono dagli incentivi dello Stato, così l’interesse del privato prevale sul bene comune”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi