MANDURIA: ALTRO CASO INQUIETANTE DI “BULLISMO”

Una sigaretta negata ad un ragazzino sarebbe, secondo le prime indiscrezioni, l’origine dell’incendio appiccato a Manduria nell’abitazione di un 51enne lo scorso 14 febbraio. Un altro inquietante episodio nella stessa cittadina teatro di recente della terribile vicenda che ha portato alla morte il 66enne Antonio Stano, vittima per anni delle violenze di una baby gang.

Il 51enne ha denunciato ai poliziotti di essere stato più volte minacciato da alcuni bulli, i quali avrebbero lanciato sassi e bottiglie contro. Fino ad incendiargli l’appartamento. Fortunatamente il 51enne non era in casa in quel momento. Nel rogo sono morti i tre cani che accudiva.

Le due vicende pare siano slegate. Ad agire sarebbero stati altri giovani. Le indagini proseguono.

 

 

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi