BORSE DI STUDIO E PROGETTI PER L’INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI

L’assessore Leo lancia due progetti per il mondo scuola

Sono due i progetti dedicati al mondo della scuola che hanno preso il via in questi giorni, uno dedicato alle borse di studio per studenti di scuola superiore e uno rivolto all’integrazione e inclusione degli alunni stranieri, entrambi fortemente voluti dall’Assessore all’istruzione della Regione Puglia, Sebastiano Leo.

Il primo progetto è rivolto agli studenti di scuola secondaria di secondo grado per aggiudicarsi le borse di studio a disposizione per l’a.s. 2018/2019 al fine di contrastare il fenomeno della dispersione scolastica.

La dotazione finanziaria assegnata a questa misura è di 3.038.549.9 euro che Regione Puglia può mettere a disposizione grazie al Fondo unico per il welfare dello studente e per il diritto allo studio del MIUR. Sono destinatari della borsa di studio tutte le studentesse e gli studenti frequentanti le scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, residenti sul territorio regionale e che abbiano un livello ISEE non superiore ad 10.632.94 euro, attestato da una certificazione in corso di validità. Per aggiudicarsi la borsa, il cui importo è compreso tra i 200 e i 500 €, ci si può candidare fino al 12 marzo sulla piattaforma www.studioinpuglia.regione.puglia.it

 

Inclusione, integrazione, dialogo e accoglienza sono le parole alla base del progetto interistituzionale “Studio in Puglia…insieme”, realizzato da Presidenza della Giunta Regionale – Sezione sicurezza del cittadino, politiche per l’immigrazione e antimafia sociale, Assessorato al Diritto allo studio, Scuola, Università, Formazione Professionale – Sezione Istruzione e Università e Ufficio Scolastico Regionale.

Con una dotazione finanziaria complessiva prevista pari a 1.040.000. euro suddivisa per province, l’iniziativa, di durata biennale, punta a sviluppare già in età scolare la cultura della solidarietà e l’inclusione socio-culturale dei cittadini extracomunitari, che frequentano le scuole pugliesi, attraverso progettualità elaborate da reti di istituzioni scolastiche.

Le attività dovranno articolarsi nei due anni scolastici 2018/2019 e 2019/2020 e concludersi entro la fine dell’anno scolastico 2019/2020.

Le progettualità, finanziabili fino ad un massimo di 65.000,00 euro, potranno prevedere la realizzazione di attività di laboratori esperienziali, seminari, dibattiti, cineforum, mostre, performance artistiche, produzione di opere letterarie, audiovisive e multimediali, tutte dedicate al tema della solidarietà, dell’accoglienza e del dialogo.

Per partecipare all’Avviso, in scadenza il 14 marzo, le scuole dovranno costruire una rete di almeno 5 istituzioni scolastiche che erogano percorsi di istruzione primaria della medesima provincia e un’associazione attiva nell’ambito dell’accoglienza e dell’integrazione.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi