fbpx

ILVA, USB: I LAVORATORI VOGLIONO UN’AZIONE COMUNE TRA GOVERNO, REGIONE E COMUNE

Ilva: si sono concluse oggi le assemblee USB. Quasi 3500 i lavoratori coinvolti. “Abbiamo descritto esattamente qual è lo stato delle cose e abbiamo parlato anche dell’impugnativa fatta da Melucci e Emiliano sul DPCM AIA – spiega Franco Rizzo, coordinatore provinciale USB- e alla nostra domanda se sostenere o meno questa azione, i lavoratori sono stati compatti nel dare la loro approvazione”. Tanti gli interventi nei quali è emerso in maniera univoca che i lavoratori dell’Ilva non sono disponibili ad accettare il diktat da nessuno, compreso il Governo, sulle questioni di carattere sanitario e ambientale.

“Segnale importante questo che dimostra una grande maturità e consapevolezza dei lavoratori sul dramma sanitario e ambientale che Taranto vive – continua Rizzo -. USB ha ribadito che non farà sconti su questioni ambientali e sanitarie e anche su esuberi e salario”. Rizzo torna anche sulla questione appalto. “Malgrado le rassicurazioni dei commissari circa il pagamento delle fatture scadute per le aziende dell’appalto ad oggi non solo ci risultano non effettuate, ma abbiamo notizie che diverse aziende rischiano di non poter pagare stipendi e tredicesime”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi