fbpx

PENSIONI, I CONTI NON TORNANO! IL 2 DICEMBRE A BARI MANIFESTAZIONE CGIL PER IL SUD ITALIA

Pensioni, i conti non tornano! Con questo slogan la Cgil terrà sabato 2 dicembre una mobilitazione nazionale con iniziative a Roma, Torino, Bari, Palermo e Cagliari. Le manifestazioni avranno carattere interregionale e in Puglia parteciperanno lavoratori, pensionati e giovani provenienti da Campania, Basilicata e Calabria. “Sarà una grande piazza democratica, prevediamo 30mila partecipanti – spiega Pino Gesmundo, segretario generale della Cgil pugliese -. Il confronto con il Governo sulla previdenza non ha prodotto risultati soddisfacenti. Non solo le proposte sono distanti dalla piattaforma sindacale ma non si sono mantenuti nemmeno gli impegni sottoscritti a dicembre dello scorso anno rispetto alle modifiche della Legge Fornero. Nessun ripensamento sull’innalzamento dei requisiti per andare in pensione, nessun riconoscimento per il lavoro di cura, nessuna misura a favore dei giovani, colpiti due volte: da un lato si allunga la vita lavorativa che impedisce un turn over; dall’altro il lavoro che c’è è precario, povero, intermittente tale da non garantire un futuro previdenziale. Motivo per cui tra le proposte vi era quella di una pensione contributiva di garanzia”. Saranno proprio i giovani ad aprire il corteo di Bari, che partirà alle ore 9.30 da Piazza Massari e si chiuderà in Piazza Prefettura, dove si terranno i comizi conclusivi, che saranno aperti dalla segretaria generale della Camera del Lavoro di Bari, Gigia Bucci. Nel capoluogo pugliese interverrà il segretario nazionale Roberto Ghiselli; sul palco si alterneranno delegati e pensionati in rappresentanza delle quattro regioni. Alle 12.30 in diretta video da Roma ci sarà il comizio conclusivo del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso.
“L’appello è a tutti i cittadini, lavoratori, pensionati, giovani a partecipare alla nostra manifestazione. Gli esiti del tavolo sulla previdenza e la manovra di bilancio sono i continuità con le politiche degli ultimi governi – conclude Gesmundo -. Non danno risposte adeguate ai bisogni del Paese, per lo sviluppo, la crescita, l’occupazione. Chi ne esce penalizzato è soprattutto il Mezzogiorno, che con la crisi ha visto aumentare il divario con le regioni del Nord e crescere povertà e disagio sociale. Quella del 2 dicembre è solo una tappa della mobilitazione che la Cgil sta portando avanti, anche incontrando i gruppi parlamentari, chiedendo che siano Camera e Senato a intervenire con provvedimenti migliorativi sia sulla previdenza che sulla manovra di bilancio, prevedendo investimento per sostenere la crescita e l’occupazione. Un impegno al quale richiamiamo in primis i nostri parlamentari pugliesi e del Mezzogiorno”.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi