fbpx

Giovedì 23 novembre 2017, alle ore 21.00, nel Teatro Comunale di Massafra (Piazza Garibaldi), Diaghilev porta in scena lo spettacolo “RACCONTI (Oblomov)” da Ivan Gončarov, di e con Paolo Panaro. Lo spettacolo rientra nel primo movimento della stagione di teatro contemporaneo “Légami” 2017/2018 (progetto P.A.S.S.I.), a cura del Teatro delle Forche.

Il protagonista simboleggia un aspetto particolare dello spirito russo: il fatalismo. Oblomov è un uomo arrendevolmente buono, vittima di una perenne incontrollabile tendenza alla contemplazione. È affetto, come ci suggerisce l’autore, da ‘oblomovismo’, sindrome riconosciuta in seguito in psicologia per indicare una singolare tipologia umana incline alla passività di fronte all’aggressività del reale. Oblomov è un provinciale, venuto a Pietroburgo per studiare. All’inizio egli sembra lasciarsi trascinare dalla vita dei suoi coetanei idealisti, pieni di forza e di vita, ma ben presto, non avendo nessuna necessità di lavorare per crearsi l’indipendenza economica, si abitua all’idea che gli altri debbano lavorare per lui e si lascia vincere dall’indolenza inoculatagli nel sangue durante la pacifica fanciullezza trascorsa nella sua tenuta di campagna. A 33 anni Oblomov giace nell’inerzia più totale nel suo polveroso e disordinatissimo appartamento. Trascorre tutto il giorno a letto, immerso in sterili ruminazioni. Dal torpore del sonno lo scuote un amico di antica data, Stolz, che lo stima e ne apprezza le qualità morali e intellettuali. Per effetto della sollecitazione di Stolz, Oblomov torna a frequentare il mondo. Ma il nostro antieroe non è entusiasta di questa nuova vita; gli sembra vacua e tediosa più della solitudine in cui era immerso. Ma un giorno Stolz gli presenta una giovane donna, Olga, di cui si innamora perdutamente. L’amore che Olga riesce a suscitare in lui sembra, per un momento, essere uno strumento di liberazione e di rigenerazione. Oblomov arriva a proporre a Olga di sposarsi, ma questo passo decisivo, che richiede impegno, movimento, interesse immediato, vivace, lo spaventa a tal punto che ricade inesorabilmente nella sua monotona indolenza. Olga sposa Stolz e, una volta sposati, i due fanno un ultimo tentativo per sottrarre Oblomov a una vita indegna, proponendogli di andare a vivere accanto a loro. Oblomov rifiuta, chiudendosi definitivamente nel suo guscio sonnolento.

Info e prenotazioni: www.teatrodelleforche.com; 0998801932/3497291060. Costi biglietti: intero 10 euro / ridotto 8 euro (under 25, over 65, gruppi di almeno 8 persone). Il romanzo di Gončarov sarà al centro dell’incontro di approfondimento letterario del “Reading Social Club”, il laboratorio dello spettatore, in programma venerdì 24 Novembre, alle ore 20.30, presso il Centro Culturale di Ricerca e Formazione, a Massafra, in Corso Roma 37. La partecipazione all’iniziativa è libera e gratuita.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi