ASL/TA ISTITUISCE PRIMO “CENTRO SPECIALISTICO PER CURA E DIAGNOSI TRAUMA INTERPERSONALE” IN PUGLIA

Sulla scorta della considerazione che il minore vittima di maltrattamento, di violenza fisica, sessuale o psicologica, di incuria o ipercuria, necessita di essere tutelato attraverso un percorso assistenziale multidisciplinare che coinvolge diversi soggetti attivi sul territorio, l’ASL di Taranto, su espressa volontà del management aziendale e con la collaborazione del Tribunale per i Minori e della Procura della Repubblica, ha istituito il “Centro Specialistico Per la Cura e Diagnosi del Trauma interpersonale”, il primo in Puglia nel suo genere. Si tratta di una struttura qualificata di Secondo livello per la diagnosi e la cura del trauma derivante da maltrattamenti, violenze e altre esperienze sfavorevoli di cui sono vittime bambini e adolescenti.

Il Centro Specialistico ha l’obiettivo di garantire alla vittima un livello assistenziale specialistico sul trauma derivante da varie forme di violenza e maltrattamento, assicurando una presa in carico globale della vittima mediante una gestione integrata a livello assistenziale. Il Centro ha funzioni di programmazione e coordinamento per le attività a valenza sovradistrettuale (formazione e aggiornamento, supervisione nell’organizzazione di specifiche campagne di sensibilizzazione e informazione, documentazione) e di consulenza, supporto e supervisione al primo livello assistenziale costituito dalle équipe territoriali di riferimento (équipe integrate multidisciplinari per il maltrattamento e la violenza) con particolare attenzione alla fase di valutazione diagnostica, di costruzione del progetto di intervento e alla realizzazione degli interventi psicoterapeutici.

Più precisamente, il Centro, composto da psicologi-psicoterapeuti in possesso di riconosciuta esperienza pluriennale e formazione specifica in materia di maltrattamento e violenza, che si avvalgono anche di altri professionisti a seconda dei casi (assistente sociale, medico pediatra, neuropsichiatra infantile, ginecologo), svolge le seguenti attività: consulenza specialistica agli operatori dei servizi territoriali che ne fanno richiesta per la valutazione della situazione traumatica nei suoi aspetti individuali e relazionali; elaborazione di progetti di interventi riparativi e terapeutici, in stretta collaborazione con la competente équipe territoriale; presa in carico di casi complessi o in cui il primo livello assistenziale individua la presenza di un trauma, o di una psicopatologia derivante da una situazione di maltrattamento, incuria e violenza (la presa in carico riguarda i minori vittime, le loro famiglie e gli autori del maltrattamento); accompagnamento giudiziario e assistenza psicologica del corso dell’escussione delle vittime e dei testimoni di minore età; presa in carico di adulti maltrattanti o violenti per progetti di intervento terapeutico.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi