fbpx

FLASH MOB ENEIDE, SPETTACOLO ITINERANTE

L’ENEIDE è uno spettacolo itinerante, strutturato in 12 scene attive in contemporanea e si ripeteranno generando uno spettatore attivo e dinamico che, per visionare l’intera rappresentazione, dovrà spostarsi nei diversi spazi individuati. Teatro MUDI è una scuola di recitazione multidisciplinare. Ovvero la formazione di un attore inteso come operatore dello spettacolo in chiave totale. L’attore formato al MUDI deve avere una conoscenza della tecnica teatrale di recitazione, ma anche una conoscenza di base di tutte le informazioni e tecniche che ruotano intorno alla messa in scena di una rappresentazione. Alla base c’è il lavoro dell’attore diretto da Antonio Minelli, attore e regista in Italia e all’estero sin dal 1979. Lo studente ha incontrato anche diversi esperti esterni che, attraverso una didattica illustrativa o pratica (in base all’argomento) hanno illustrato le diverse componenti della scena. Dalla scenografia, all’espressione corporea. Ma anche canto, storia del teatro, conoscenza degli strumenti illuminotecnici (audio – luci) e scrittura.

C’è anche stato uno spazio dedicato alla legislazione con particolare attenzione alla sicurezza sul lavoro. Altra particolarità del teatro MUDI è quella di avere quattro differenti sedi didattiche situate in provincia di Bari e Taranto: Polignano, Putignano, Capurso e Leporano. Qui il teatro è inteso come un componente fondamentale alla crescita civile della cittadinanza e non una esclusiva rappresentazione dell’Io personale dell’artista. MuDi è patrocinata da: Assessorato alla Cultura della Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese, CNA Puglia, Comune di Putignano, Comune di Polignano, Comune di Leporano, Comune di Capurso, FAI-Delegazione di Bari. Comunicato stampa L’ENEIDE Nel 31 a.C., con la vittoria della flotta di Ottaviano sulle navi di Antonio e Cleopatra, si svolge l’ultimo atto di una serie di scontri civili che sconvolsero Roma. Ora bisognava pacificare e unire. E così Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto, decide di attuare una sorta di riforma culturale per ridurre a progressiva armonia un mondo spaccato dalle rivalità (ma anche a santificare la romanità augustea). L’Eneide è un inno alla pace e alla convivenza fra i popoli. La sua violenza è continuamente condannata dai suoi eroi. Virgilio (nato a Mantova, morto a Brindisi e seppellito a Napoli) è stato un uomo che ha sofferto l’angoscia del suo tempo tentando di risolverla o almeno di superarla in una sintesi poetica. L’attualità del testo, a oltre 20 secoli di distanza, è sconvolgente. La supplica “vogliamo vivere in pace, accolti nelle vostre case come fratelli” che la stirpe troiana rivolge agli italici, rimane ancora tale in questo periodo storico dove il “tutti contro tutti” sembra essere l’imperativo del quotidiano.

La messa in scena realizzata dagli studenti del MuDi, punta a un dialogo diretto col singolo spettatore.

Le date:

Venerdì 23 GIUGNO – Putignano (BA)

Sabato 24 GIUGNO – Capurso (BA)

Venerdì 30 GIUGNO – Leporano (TA)

Sabato 1 LUGLIO – Polignano a Mare (BA)

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi