fbpx

CRISI, ASTE PROCESSIONI TARANTINE AL RIBASSO

La crisi economica non risparmia i Riti della Settimana Santa tarantina. Ieri, a San Domenico e nella sede dell’Università di via Duomo, le tradizionali aste della Domenica delle Palme per l’aggiudicazione, da parte dei membri delle Confraternite dell’Addolorata e del Carmine, dei Simboli da portare in processione il giovedì e il venerdì santo. Gare al ribasso: per le statue più ambite, quella della Madonna dell’Addolorata del giovedì, e Gesù Morto sono stati offerti rispettivamente 51mila 500 euro e 40 mila e 400 euro. Lo scorso anno, per le Sdanghe dell’Addolorata furono offerti 65 mila euro, un’offerta record, mentre per Gesù Morto 51 mila euro.
La troccola del giovedì è stata aggiudicata per 9100 euro, il Crocifisso per 5.300 euro e le “pesare” per 500 euro. Per quanto riguarda la processione dei Misteri, che parte dalla Chiesa del Carmine, al borgo, alle 17 di venerdì, le offerte sono state: 10.000 per la troccola, 8.400 per la Croce dei Misteri, 5.000 per Cristo all’Orto, 20.200 per la statua dell’Ecce Homo, 20.200 per La Colonna, 14.300 per la Cascata, 28 mila euro per l’Addolorata, 27.600 per il Crocifisso, 18.100 per la Sacra Sindone e 4.600 per il Gonfalone.
Tirando le somme, per le due processioni, le Confraternite hanno raccolto circa 247 mila euro. Questi soldi verranno spesi in opere di carità.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi