CONVERSANO: SIGILLI SU AREA VINCOLATA PAESAGGISTICAMENTE

Il personale della Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Monopoli, nell’ambito di attività finalizzate alla tutela del patrimonio naturale e forestale, in località Nepita, nell’agro del Comune di Conversano, ha proceduto al sequestro preventivo di un’area di circa 10 ettari di terreno agricolo, dove era stato mutato permanentemente lo stato naturale dei luoghi. Nello specifico, erano state eliminate diverse piante secolari di Quercus trojana, quercia comunemente denominata “fragno”. Sono state riscontrate, inoltre, la demolizione di circa 330 metri di muretti a secco e l’asportazione di due specchie di pietre. Nella zona erano in corso anche opere di macinatura della roccia e fresatura del terreno, nell’area sottoposta a vincolo archeologico e in assenza di autorizzazione della Soprintendenza dei Beni Culturali. L’area posta sotto sequestro, infatti, è limitrofa ad una storica masseria dell’agro conversanese, nei cui terreni seminativi si elevano secolari e maestosi esemplari di fragno. Si tratta del caratteristico Paesaggio naturale del sud est barese, i cui beni sono tutelati dal Piano Paesaggistico Territoriale della Regione Puglia (P.P.T.R.). Gli uomini del C.F.S. hanno apposto i sigilli sull’area interessata e hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il proprietario/committente dei lavori e gli esecutori delle opere per violazioni al D.Lvo 157/2006 e per i reati di danneggiamento (art. 635 cp) e deturpamento di bellezze naturali (734 cp).

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi