fbpx

I piani industriali ed ambientali delle due cordate interessate all’acquisizione dell’Ilva sono al momento sconosciuti. Fra i sindacati, la forte preoccupazione per quanto deriverà dal decimo decreto Ilva, viene mitigata dalla notizia della proroga dei contratti di solidarietà per un anno. Della complessa vicenda si è parlato oggi a Taranto nel corso dell’attivo della Uilm Uil. I tempi del provvedimento, ha detto Rocco Palombella, Segretario Generale UILM Nazionale, dimostrano che non c’è da parte del Governo la ferma volontà di risolvere la situazione, trascinata ormai da anni a suon di decreti. Le richieste del sindacato, a cui risulta che alcuni impianti dello stabilimento tarantino non saranno ambientalizzati ma chiusi, sono la riconferma degli assetti impiantistici per garantire il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e di quelli produttivi, e naturalmente il rispetto delle prescrizioni AIA.

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi