fbpx

ArcelorMittal ha pronto un piano di modifiche all’Autorizzazione Integrata Ambientale per l’Ilva, ritenuta inadeguata affinchè il siderurgico sia in grado di “ottemperare ai requisiti” richiesti da standard europei e per rendere l’acquisizione dell’azienda in amministrazione straordinaria più attrattiva ai fini del cospicuo investimento che richiede. Ad annunciarlo, un top manager di Arcelor Mittal nel corso di un’audizione in commissione industria al Senato, che ha assicurato che il colosso industriale mondiale che produce acciaio ha pronto già da un anno il Piano ambientale per l’Ilva che renda l’acciaieria fra le più rispettose dell’ambiente in Europa. Il Piano ambientale, attraverso il decimo decreto Ilva del Governo, è diventato prioritario nella fase di cessione. Intanto, ieri a Taranto, l’azienda ha incontrato i sindacati, mettendo a tacere la voce della possibile chiusura di Afo4, se non per qualche ora per interventi di manutenzione, comunicando che “eventuali assetti impiantistici futuri, legati anche all’adempimento delle prescrizioni Aia, saranno oggetto di un approfondimento con le parti sociali, a partire dalla prossima settimana”.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi