fbpx

Anche quest’anno è indetto lo sciopero nei giorni di somministrazione dei test Invalsi: il 4 e 5 maggio nelle scuole primarie, il 12 maggio nelle superiori. Uno sciopero che ribadisce la contrarietà anche alla legge 107 (“Buona scuola”) e ai suoi meccanismi di smantellamento della scuola pubblica, già dequalificata da anni di tagli e di “riforme” nefaste – si legge nel comunicato di Cobas Scuola. “La volontà di aziendalizzare la scuola ha introdotto elementi pericolosi come i risibili strumenti di misurazione degli apprendimenti, l’assegnazione dei premi in denaro e l’utilizzo triennale dei docenti da parte dei dirigenti, in grado di generare pericolose competizioni. L’intera macchina di misurazione INVALSI assorbe notevoli investimenti economici e la legge 107/15 (“Buona scuola”) potenzia ulteriormente gli stanziamenti con 8 milioni di euro all’anno, risorse che potrebbero servire a rendere le classi meno numerose, a migliorare la sicurezza degli edifici, a potenziare il personale per i servizi agli alunni”.

(foto blog.redooc.com)

Commenta l'articolo:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi