fbpx

Continuano nella ASL di Taranto le iniziative previste nella settimana, dal 22 al 28 aprile, “Open Week-Porte Aperte alle Donne”. Presso il Presidio Ospedaliero SS. Annunziata, premiato con due Bollini Rosa , perchè inserito nell’elenco degli oltre 170 ospedali italiani “vicini alle donne”, sono previsti anche nella settimana prossima incontri aperti alla popolazione sugli aspetti di prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili.

Martedì 26 aprile nell’auditorium del Padiglione Vinci si terranno due incontri ai quali la popolazione di terra jonica è invitata a partecipare. Alle ore 9 relazionerà il dr. Emilio Stola, Direttore della S.C. di Ostetricia e Ginecologia, sul tema “La patologia uterina emorragica”.

Seguirà alle ore 10,30 l’incontro su “l’Andamento dello screening mammografico nella ASL di Taranto a sei anni dall’avvio”. Il dr. Giuseppe Melucci, Responsabile della S.S. di Radiologia Senologica parlerà degli aspetti organizzativi dello screening mammografico avviato nella azienda tarantina nel gennaio del 2009 e presenterà i risultati raggiunti nel corso dei primi sei anni di attività.

Lo screening è un servizio proposto, in offerta attiva, alle donne, in età compresa tra i 50 e i 69 anni, alle quali viene inviata una lettera che prevede un appuntamento per sottoporsi ad un esame mammografico gratuito.

Le iniziative “Open Week” proseguono anche mercoledì 27 aprile con l’incontro su “La prevenzione, la diagnosi e la terapia del carcinoma del collo dell’utero”. Relatore sarà il dr. Stola.

Oltre agli incontri aperti alla popolazione di informazione su alcune patologie femminili, la ASL di Taranto ha previsto in questa settimana, dedicata al benessere delle donne, anche la possibilità di usufruire di consulenze e visite gratuite per problemi ginecologici, per la prevenzione della obesità, ascolto e consulenza a donne che si riconoscono un disturbo del comportamento alimentare e a familiari di donne affette da tali disturbi. Anche per lo screening mammografico sono state prenotate donne che non avevano ancora usufruito di tale servizio.

Commenta l'articolo:

    Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie secondo quanto descritto nell'Informativa sui Cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi